Si disegna i puntini della varicella con un pennarello indelebile per non andare a scuola. E così impara una doppia lezione

Si disegna i puntini della varicella per evitare un compito in classe. Alla sua vista i genitori a stento trattengono le risate

Tutti abbiamo inventato scuse per non andare a scuola e probabilmente l’idea di questa bambina inglese le ha superate tutte.

Fra mal di testa immaginari, nausee e termometri manomessi, alzi la mano chi non ha mai raccontato una bugia ai propri genitori per saltare almeno un giorno di scuola.

Scuse per non andare a scuola: la bambina si disegna i puntini della varicella

Non tutti i bambini infatti, vanno volentieri a scuola, soprattutto quando li aspetta qualche compito in classe o un’interrogazione.

Chi è genitore avrà a che fare spesso e volentieri con i vari e goffi tentativi dei propri figli che si impegnano al massimo per rimanere a casa.

E se di bambini non ne avete, non faticherete a ricordare le scuse che, più di una volta, vi siete inventati voi. Ma sono sicura che questa bambina inglese di 6 anni ci ha battuti tutti.

La piccola Lily Scholley vive a Saint Austell, in Cornovaglia, e un pomeriggio, ha combinato un bel pasticcio, pur di saltare il compito in classe programmato il giorno dopo.

Da brava osservatrice, aveva notato che molti dei suoi compagni erano assenti perché malati di varicella. E ha ben pensato che avrebbe potuto fingere di averla anche lei.

Così, dopo aver trafugato un pennarello rosso, si è barricata in camera sua e ha messo in atto il suo geniale piano. Si è disegnata in tutto il corpo i segni distintivi della varicella: i famigerati puntini rossi.

Scuse per non andare a scuola

“Mamma, ho la varicella e mi prude tutto il corpo”

E così dopo aver completata l’opera si è presentata dai suoi genitori, dicendo di aver prurito in tutto il corpo e che molto probabilmente aveva contratto la varicella.

Ma i genitori, si sono accorti subito della marachella e hanno deciso di risolvere la questione a modo loro: dopo aver sentito che a causa della varicella, sarebbe dovuta andare dal dottore, la piccola Lily ha cercato di lavare via le tracce del misfatto.

Peccato che avesse usato un pennarello indelebile, che nonostante sapone e alcol non è ha voluto sapere di cancellarsi.

Il giorno dopo Lily è dovuta andare a scuola, con i segni indelebili della marachella combinata. E ha dovuto fare i conti con gli altri bambini che per non essere contagiati dalla finta varicella, non avevano nessuna intenzione di starle vicino.

Leggi anche:

Back to top button