Genova. Ragazza di 18 anni finisce in rianimazione per trombosi dopo la prima dose del vaccino Astrazeneca: le sue condizioni sono gravi

Una ragazza di 18 anni, originaria di Sestri Levante, è stata ricoverata in rianimazione nel reparto di terapia intensiva presso l’ospedale San Martino di Genova per trombosi, dopo che si era sottoposta alla prima dose del vaccino Astrazeneca. La vaccinazione della giovane, avvenuta nella sua Asl di residenza in forma volontaria nel corso di un open day che la Regione Liguria aveva organizzato per gli over 18, risale al 25 maggio.

Leggi anche: Arona. Un uomo di 42 anni muore mezz’ora dopo la somministrazione del vaccino Pfizer: avviati gli accertamenti per indagare sul caso

Le gravi condizioni della giovane hanno richiesto un intervento chirurgico. Alisa e Regione Liguria hanno reso noto: “La giovane è stata vaccinata volontariamente il 25 maggio 2021 nella Asl di residenza con vaccino AstraZeneca dopo anamnesi vaccinale negativa. Il 3 giugno si è recata in Pronto soccorso con mal di testa e fotofobia. È stata sottoposta ad esami: tac cerebrale ed esame neurologico, entrambi negativi“. La ragazza di 18 anni era stata quindi dimessa con raccomandazione di ripetere gli esami ematici a distanza di 15 giorni.

la ragazza di 18 anni colpita da trombosi dopo vaccino Astrazeneca

È grave la ragazza di 18 anni colpita da trombosi dopo il vaccino Astrazeneca

Le condizioni della giovane si sono aggravate rapidamente, costringendola lo scorso 5 giugno a ripresentarsi al pronto soccorso a causa delle difficoltà motorie avvertite. Sulla 18enne è stata eseguita una Tac cerebrale che ha evidenziato un’emorragia in corso. Dopo il suo trasferimento presso il reparto di Neurochirurgia del San Martino è stata operata e le sue condizioni risulterebbero gravi.

Le indagini avviate sul caso della giovane sono volte ad accertare se la causa della trombosi sia da scrivere al vaccino Astrazeneca.

Leggi anche: Nestlé sotto accusa: oltre il 60% dei prodotti non fa bene alla salute, ammette la stessa azienda che segnala quelli su cui fare più attenzione

Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria, su Facebook ha rivolto un messaggio di vicinanza alla giovane: “Preghiamo e siamo vicini alla ragazza di 18 anni ricoverata in neurochirurgia all’ospedale San Martino di Genova a pochi giorni dalla somministrazione volontaria del vaccino AstraZeneca. Da tutto il giorno siamo in contatto con i nostri medici che stanno lavorando senza sosta in sala operatoria per salvarle la vita: dopo un primo intervento per rimuovere il trombo, è in corso adesso una seconda operazione. Tutta la Liguria si stringe intorno alla famiglia della ragazza, che è rimasta costantemente al suo fianco in ospedale”.

 

Condividi: