La raccolta fondi dei Ferragnez ha raggiunto quasi 3 milioni di euro

"Vogliamo sensibilizzare le persone in Italia e all’estero"

Il coronavirus è ormai diventata un’emergenza incontrollata. Fra decessi e nuovi contagi il Governo è stato costretto ad avviare le misure più restrittive. Nel frattempo non è mancata la solidarietà da parte degli italiani. La raccolta fondi dei Ferragnez, ha ad esempio, quasi raggiunto quota 3 milioni di euro.

Un sentito grazie a Chiara Ferragni e a Fedez ma anche e soprattutto alla generosità di tantissimi italiani che nel momento del bisogno si sono dati da fare.

Raccolta fondi Ferragnez: un milione raccolto nel giro di 5 ore

La raccolta fondi dei Ferragnez è destinata al reparto di terapia intensiva del San Raffaele di Milano. L’hanno iniziata loro, donando 100000 euro.

A cui sono seguite tante, tantissime altre donazioni. Ognuno ha dato il proprio contributo, anche piccolo, ma fondamentale per raggiungere quasi 3 milioni di euro.

Che si riveleranno utilissimi per realizzare nuovi posti letto nel reparto di terapia intensiva dell’Ospedale San Raffaele di Milano.

https://www.instagram.com/tv/B9goMOLI_5x/

Chiara Ferragni continua ad aggiornare i suoi followers. 5 ore dopo aver avviato la raccolta fondi su GoFoundMe ha annunciato di aver da poco sfondato quota un milione.

“Questo è il potere dei social media, quando sono usati nel modo giusto. Sono così fiera di voi. Speriamo che questa nostra iniziativa sensibilizzi le persone in Italia e all’estero, sull’emergenza Coronavirus nella quale siamo tutti coinvolti”.

Oltre ai Ferragnez, che sui social hanno moltissimi seguito, la campagna è portata avanti anche dal professor Alberto Zangrillo, primario di terapia intensiva cardiovascolare e generale dell’ospedale San Raffaele di Milano.

La sanità è quasi al collasso

Al momento il nostro sistema sanitario è quasi al collasso, con i posti letto della terapia intensiva che iniziano a scarseggiare. Con i soldi donati potranno essere aumentati.

La terapia intensiva ha un costo nettamente maggiore rispetto agli altri reparti ospedalieri. I macchinari necessari come monitor, le pompe infusionali e i ventilatori costano molto e in questo momento ogni donazione conta.

I Ferragnez non sono stati gli unici a dare il loro prezioso contributo. Il gruppo Armani ha donato un milione e 250 mila euro allo Spallanzani, alla Protezione Civile e anche agli ospedali Luigi Sacco, San Raffaele e Istituto dei Tumori di Milano.

Dolce & Gabbana hanno invece effettuato una donazione alla Hmanitas University. Se anche voi volete fare la vostra parte, potete dare un contributo alla raccolta fondi dei Ferragnez cliccando nel link sottostante:

Coronavirus, rafforziamo la terapia intensiva

Insieme possiamo fare la differenza!

Leggi anche:

Back to top button