Un gruppo di studiosi spiega i motivi per cui non si dovrebbero raccogliere e portare a casa le conchiglie che si trovano in spiaggia

Le conchiglie svolgono un ruolo fondamentale per l'ecosistema marino per questo non si dovrebbero raccogliere, per non alterare gli equilibri ambientali

Per la loro bellezza le conchiglie vengono spesso raccolte e portate a casa per essere esposte come ricordo di momenti memorabili.

Un gesto che sembrerebbe privo di conseguenze ma che invece espone a dei pericoli l’ambiente in cui si trovano.

Le conchiglie sono un reperto naturale che ha una precisa funzione. Infatti svolgono un ruolo fondamentale per l’ecosistema e per la sopravvivenza dei molluschi.

Esse rappresentano la casa mobile di animali marini dove si rifugiano contro i nemici naturali.

Le conchiglie vuote che si è soliti raccogliere dalla sabbia, un tempo ospitavano esseri viventi come molluschi ed animali dal corpo morbido. Così fungono da gusci protettivi o scheletri esterni per questi esseri viventi.

Anche da vuote continuano a svolgere un ruolo importante: danno equilibrio all’ambiente. Per questo non è una buona idea raccogliere e portare a casa le conchiglie. Quello che può apparire un gesto innocente non lo è affatto.

In particolare, il carbonato di calcio, un nutriente che fa parte della costituzione del loro guscio, è prezioso per l’ecosistema perché promuovere la stabilità dell’ambiente marino.

Inoltre tale sostanza è un materiale per la costruzione di nidi di uccelli o come substrato per le piante marine. Ma il carbonato di calcio funge anche da protezione delle alghe e dei granchi.

Se si elimina la presenza delle conchiglie dalle spiagge si finisce per alterare gli habitat marini, causando dei pericolosi squilibri.

Si rischia di ridurre il numero degli organismi e degli esseri che dipendono da tali gusci.

Ma allo stesso tempo si va incontro ad un aumento dell’erosione delle spiagge. Inoltre si inibisce l’uso del carbonato di calcio che è un nutriente per la vita marina.

Raccogliere le conchiglie non è un gesto innocente

Raccogliere le conchiglie non è un gesto innocente perché danneggia la biodiversità

La massiccia scomparsa delle conchiglie dalle spiagge ha causato un profondo impatto ambientale in varie parti del mondo.

Ad esempio in Spagna, dove l’eccessiva rimozione delle conchiglie dalle spiagge ha causato una diminuzione dei pesci.

Per dibattere di tale argomento, Rádio Amazônia ha ospitato nel suo programma Tarde Nacional – Amazonia la biologa Camila Domit, della rete di esperti della conservazione della natura.

Nel corso della sua intervista, la biologa ha spiegato l’importanza di conservare le conchiglie nell’ambiente. Perché di esse ne beneficiano la natura e gli altri organismi.

L’esperta ha invitato i turisti a rinunciare a questa pratica che spinge a portarsi a casa un ricordo del proprio viaggio o vacanza. Questo perché la rimozione di gusci delle conchiglie dalla sabbia danneggia l’ambiente naturale.

Secondo la biologa, le conchiglie costituiscono la biodiversità marina. Infatti contribuiscono a nutrire gli esseri viventi ed a conservare l’ecosistema marino.

Nel suo intervento la biologa ha sottolineato che raccogliere le conchiglie dalla spiaggia per portarle a casa tende a creare degli squilibri nell’ambiente acquatico.

Perciò è importante diffondere una valida educazione ambientale ed il concept di un turismo eco-sostenibile, per avere contatto con la natura, senza arrecare danni alla sua biodiversità.

Back to top button