Marino Bartoletti parla per la prima volta del suo dramma a Oggi è un altro giorno: “Ho avuto un tumore e forse c’è l’ho ancora”

Fatica a trattenere la commozione Marino Bartoletti durante la trasmissione “Oggi è un altro giorno”.

Uno dei volti più noti del giornalismo sportivo italiano si confida in diretta dicendo: “Ho avuto un tumore e forse ce l’ho ancora, perché le analisi definitive saranno fatte all’inizio di giugno”. Un’ ammissione, quella di Marino Bartoletti, che lascia attoniti i colleghi presenti in studio, e che raccoglie migliaia di messaggi di vicinanza e incoraggiamento.

Il giornalista, che il pubblico conosce ed apprezza per la sua misura e i toni sempre gentili, prosegue dicendo : “È una cosa che è scoppiata alla fine della scorsa estate. Per fortuna è stata presa per tempo, ma non possiamo sempre essere figli della fortuna o dire ‘succede agli altri'”.

Leggi anche: Laura Boldrini parla del suo tumore raro: “Mi hanno tagliato 25 centimetri di femore”, racconta la deputata del PD

Nato a Forlì 72 anni fa Marino Bartoletti rappresenta lo sport. Conduttore de La Domenica Sportiva negli anni ottanta, ha creato e realizzato diverse trasmissioni incentrate sullo sport. Amante della musica Marino ha partecipato anche a trasmissioni come il Festival di Sanremo e La vita in diretta. Una carriera che nemmeno l’improvvisa perdita della moglie, avvenuta cinque anni fa per un banale quanto tragico incidente domestico, ha fermato.

Marino Bartoletti

La battaglia di Marino Bartoletti

“Devo benedire almeno quattro angeli che si chiamano Eugenio, Carlo, Giovanni e Marinella, che hanno dei cognomi oltre che dei nomi e dei titoli professionali, perché mi sono stati molto d’aiuto”, prosegue Marino Bartoletti parlando della sua battaglia personale. “Mi sono messo in buone mani”, ha spiegato. “Noi dobbiamo essere i primi ad aiutare queste persone ad aiutarci. Ho avuto sei mesi di terapie importanti, due mesi di radioterapia e la prima cosa che mi sono regalato è stato venire qui da te a parlare di Sanremo”.

Leggi anche: Alessia Morani racconta il suo dramma: “Avevo 5 litri di sangue malato” e rivela come ha sconfitto la leucemia

Poi l’invito di Marino Bartoletti a quanti stanno affrontando un percorso simile. “Bisogna sempre battersi fino al 90esimo minuto, fino anche ai minuti di recupero. Io mi sto battendo, sogno un’estate bellissima, con le persone che mi vogliono bene, con una in particolare. Spero che questa parte scura della mia vita la possa mettere alle spalle”.

Condividi: