Diffida per Alberto Matano: negata la messa in onda di un’intervista esclusiva sul caso Denise Pipitone

Nel corso della puntata del 21 maggio, Alberto Matano ha rivelato ai telespettatori le difficoltà incontrate prima dell’inizio de La vita in diretta per un cambio nella scaletta dell’ultimo minuto. Il conduttore ha infatti ammesso pubblicamente che la trasmissione di Rai 1 ha ricevuto una diffida dopo un’intervista realizzata da un’inviata a Mazara del Vallo, nell’ambito del caso Denise Pipitone

Dopo aver ricevuto l’avviso, Alberto Matano si è ritrovato insieme al suo team di autori e collaboratori a dover rivoluzionare la scaletta, visto che la diffida riguardava la messa in onda di un’intervista alla zia di Gaspare Ghaleb, l’ex fidanzato di Jessica Pulizzi.

Leggi anche: Caso Denise Pipitone. L’autore della lettera anonima scrive anche a Chi l’ha visto?: “So da 17 anni, non ho parlato per paura”

Diffida per La vita in diretta: negata la messa in onda di un servizio su Denise Pipitone

La vita in diretta negata la messa in onda servizio Denise Pipitone

La redazione de La vita in diretta si è ritrovata così a non trasmettere il servizio realizzato sulla scomparsa di Denise, perché l’intervista sarebbe stata registrata senza il consenso preventivo. Anche se poi la stessa inviata della trasmissione ha sottolineato che l’intervistata, mentre rispondeva alle sue domande davanti alle telecamere, non aveva espresso alcuna perplessità.

Un fuori programma che ha fatto perdere le staffe ad Alberto Matano che ha reso noto i suoi dubbi sulla vicenda come emerso dalla sua ammissione: “Mi arrabbio perché noi stiamo facendo il nostro lavoro e cosa c’è di male nel raccontare le cose dette anche 17 anni fa?”.

La diffida indirizzata nei confronti della trasmissione Rai, ha spinto ad intraprendere una ferma difesa del proprio operato, nel nome della deontologia professionale, ed infatti l’inviata in diretta da Mazara del Vallo ha precisato che la donna ha rilasciato le sue dichiarazioni di sua spontanea volontà, senza chiedere alcun permesso. Nel corso dell’intervista la zia di Ghaleb ha fatto sapere di non aver visto il nipote fino alle 13 di quel primo settembre 2004, quando lo ha chiamato per il pranzo.

Leggi anche:  Caso Denise Pipitone. L’avvocato Giacomo Frazzitta lancia un nuovo appello a Domenica In e rivela il contenuto della lettera anonima

Dopo la riapertura del caso sulla scomparsa di Denise Pipitone gli inquirenti stanno riesaminando tutti i reperti raccolti, tra cui le telefonate tra Gaspare Ghaleb e Jessica Pulizzi, i quali stavano insieme all’epoca della sparizione di Denise.

Condividi: