Castiglion Fiorentino in lutto per la morte della figlia di Fabrizio Meoni, campione della Dakar: un male incurabile si è portata via la 18enne

Advertisement
Advertisement

Chiara Meoni, figlia di Fabrizio Meoni, il re della Dakar e dei rally, a soli 18 anni ha perso la vita a causa di un male incurabile, che nel giro di pochi mesi non le ha dato scampo. Dopo la tragica scomparsa del mito delle corse rally l’11 gennaio 2005 in Mauritania, nel corso della tappa della Parigi Dakar, la famiglia è stata costretta a vivere una nuova tragedia.

Chiara che non aveva neanche due anni quando suo padre è tragicamente scomparso ha affrontato anche lei un’ultima corsa infernale, non tra le dune del deserto ma tra le corsie degli ospedali dopo la diagnosi di un male incurabile. I sogni di una ragazza solare e bella che amava lo sport e la vita sono stati così stroncati precocemente da un destino avverso.

Leggi anche: Omicidio Yara Gambirasio. La difesa di Massimo Bossetti chiede l’esame di alcuni campioni di Dna: la “prova regina” della sua condanna

Dopo un lungo ricovero al Meyer, la figlia di Fabrizio Meoni aveva fatto ritorno a Castiglion Fiorentino lo scorso 20 maggio: il suo ultimo viaggio dopo la degenza presso l’ospedale pediatrico. Ma la sua corsa si è arrestata all’improvviso quando ancora il percorso da affrontare era tutto in salita. La famiglia Meoni si è ritrovata ad affrontare un’altra prova terribile, che ha visto schierati in prima fila accanto alla 18enne mamma Elena e suo fratello Gioele.

Advertisement

Addio alla figlia di Fabrizio Meoni il mito della Dakar

Addio alla figlia di Fabrizio Meoni, il mito della Dakar

La notizia della prematura scomparsa della figlia di Fabrizio Meoni ha gettato nello sconforto tutto Castiglion Fiorentino, non solo gli amici di Chiara si sono stretti attorno al dolore della famiglia ma tutta la cittadinanza. Come sottolineato dalle parole di Mario Agnelli, il sindaco che è sempre stato a fianco di Chiara e della sua famiglia.

Leggi anche: Un bambino di 6 settimane ha un arresto cardiaco e muore dopo che il sacerdote immerge la sua testa nell’acqua santa durante il battesimo

Advertisement

Il grande dolore per questo lutto non ha colpito solo la comunità di Castiglion Fiorentino, visto che Fabrizio Meoni era conosciuto in tutto il mondo come sportivo e per il suo impegno in cause solidali. Infatti aveva abbracciato alcune iniziative benefiche a sostegno dei bambini poveri dell’Africa. L’associazione che porta il suo nome continua ancora oggi a prodigarsi per portare aiuti in Senegal ed in altre zone del continente africano.

I funerali della figlia di Fabrizio Meoni, in programma domenica 23 maggio, alle 16, si svolgeranno nel piazzale del Rivaio, la chiesa dove Fabrizio Meoni aveva fatto il chierichetto da bambino e dove fu celebrato il suo funerale 16 anni fa.

Condividi: