A causa degli incendi in Australia sono morti 480 milioni di animali

Uccisi dalle fiamme o dalla mancanza di cibo e riparo, oltre 480 milioni di animali sono stati vittime dei devastanti incendi boschivi che devastano l’Australia da settembre

Una cifra drammatica, che si riferisce solamente a mammiferi più grandi e che non conta gli uccelli, i rettili e i pipistrelli, che abitano lo stato del Nuovo Galles del Sud. Un territorio che si estende su 36.000 chilometri quadrati di terra calcinata, e che al momento risulta essere la più colpita dalle fiamme.

animali Australia

Gli incendi in Australia hanno provocato la morte di mezzo milione di animali

“È un disastro senza precedenti dal punto di vista della fauna selvatica”, ha affermato Chris Dickman, un ecologo dell’Università di Sydney, che ha sottolineato che i suoi calcoli escludono insetti, pesci, rane e alcuni mammiferi come i pipistrelli.

“Alcuni degli animali sono morti negli incendi, altri durante la fuga e altri ancora sono stati sepolti nel sottosuolo”, ha aggiunto Dickman. Sottolineando che “il pericolo è quando ritornano in superficie e non trovano cibo o trovano volpi o gatti che li perseguitano. ”

Dickman, che è stato presidente della Australian Society of Animals e del Comitato scientifico del Nuovo Galles del Sud, e il suo team presso l’Università di Sydney, hanno effettuato la stima sulla base di uno studio del World Wide Fund for Nature (WWF) ) del 2007 sull’impatto dell’abbattimento degli alberi sugli animali.

Quel lavoro del WWF ha combinato i dati sulla superficie della deforestazione con quelli di altri studi sulla densità della popolazione di mammiferi nel Nuovo Galles del Sud. Una formula che il team di Dickman ha usato per raggiungere la sua stima.

L’esperto ha affermato che estrapolando i risultati sull’intero paese, dove sono stati bruciati 50.000 chilometri quadrati di terra o un’area paragonabile a quella del Costa Rica, il numero di animali colpiti potrebbe raggiungere il miliardo.

Lo squilibrio negli ecosistemi

L’impatto degli incendi non sarà certo fino a quando gli scienziati non potranno entrare nelle aree bruciate, ma si è già stimata l’immensità del danno. Causato dallo squilibrio degli ecosistemi, dove molte delle specie colpite contribuiscono all’impollinazione di trasporto di piante o semi.

Dickman ha osservato che il recupero delle aree bruciate potrà essere influenzato dall’assenza di queste specie che svolgono un ruolo chiave nella salute di diversi habitat.

“Se gli ecosistemi interessati sono isolati, potrebbero essere necessari molti anni prima che alcune specie ritornino. Ci sono molti rettili e mammiferi che non hanno molta mobilità. E alcuni potrebbero non tornare mai ”, ha detto l’ecologo.

Secondo l’esperto, saranno interessati anche altri ecosistemi che non sono stati presi in considerazione. Come i fiumi, che vedranno un degrado della qualità delle loro acque. Che avrà conseguenze sulle fonti alimentari degli animali che vivono in essi.

Australia, casa delle specie uniche

L’Australia ospita una grande varietà di animali unici nel suo territorio continentale, con circa 300 specie autoctone tra cui marsupiali come canguri e koala, monotremi come ornitorinco ed echidna e placche come i dingo.

Di questi, circa 244 specie o l’81% si trovano solo in Australia, ha affermato l’Università di Sydney in una nota.

“Ciò che fa paura è che circa 34 specie di mammiferi originari dell’Australia si siano estinte negli ultimi 200 anni con la colonizzazione. È il più alto tasso di perdita in qualsiasi regione del mondo “, ha dichiarato Dickman.

“Con l’acceleramento del cambiamento climatico, avremo periodi più lunghi di siccità e gli incendi saranno più gravi in ​​futuro”. Lo ha affermato l’ecologo, sostenendo il lavoro congiunto tra scienziati e governi.

Andrew Constance, ministro dei trasporti e delle strade, ha dichiarato che gli incendi in Australia sono una bomba atomica dagli effetti devastanti.

Leggi anche:

Condividi: