Il figlio di Grillo sotto accusa: “Tenuta per i capelli e costretta” è l’accusa che lo porterà al processo

Advertisement
Advertisement

Un procedimento blindato fanno sapere dalla Procura di Tempio Pausania, che in questi giorni deve prendere una decisione molto delicata sulla vicenda che coinvolge anche il figlio di Beppe Grillo.

Quella cioè che lo vede coinvolto, insieme ad altri amici, nel caso di violenza sessuale di gruppo. Ciro Grillo sarebbe quindi imputato nel caso che, si legge dalle carte della Procura, è avvenuto nell’estate del 2019 in Sardegna.

Leggi anche: Roberto Formigoni riavrà il suo vitalizio da 7 mila euro: la polemica scoppia immediata

Accuse figlio Beppe Grillo

Advertisement

L’accusa a Ciro Grillo

“Afferrata per la testa, costretta a bere mezza bottiglia di vodka e ad avere rapporti”, scrivono i magistrati di Tempio Pausania. Il 20enne rampollo del garante del Movimento 5 stelle , rischia quindi di andare a processo insieme ad altri 3 amici della cosiddetta Genova bene. Secondo quanto riportato da Adnkronos il rapporto della Procura sarda sarebbe un vero e proprio atto di accusa nei confronti del figlio di Grillo.

Il racconto della giovane studentessa italo svedese che, nella notte tra il 15 e 16 luglio 2019, avrebbe subito violenza nella proprietà del comico ligure in Costa Smeralda. Beppe Grillo, che già ai tempi della denuncia non aveva rilasciato dichiarazioni, si è chiuso in un rigoroso silenzio. All’epoca dei fatti, mentre i magistrati della Procura indagavano, era stata la madre di Ciro Grillo a rilasciare una dichiarazione.

Parvin Tadjk, 59 anni, di origini iraniane e moglie di Beppe Grillo aveva detto ai magistrati: “Non ho sentito nulla. Dormivo” . Testimonianza confermata anche dalla donna di servizio, sentita anch’essa in Procura nei giorni che seguirono i fatti. Ma il materiale raccolto sarebbe a testimoniare che le cose andarono diversamente.

Advertisement

Leggi anche: Forum. Il giudice Francesco Foti sconcertato dal racconto della donna rimasta incinta di un extraterrestre: il caso spiazza anche Barbara Palombelli

Dalla segreteria del procuratore capo Capasso fanno sapere che “non si rilascia alcuna dichiarazione”. E però ad incastrare i giovani ci sarebbero anche alcune fotografie e delle immagini trovate sui cellulari degli imputati. Cose, secondo l’accusa, mostrerebbero e proverebbero gli abusi anche ai danni di una seconda ragazza che dormiva.

Potrebbe inoltre interessarvi leggere: 

Advertisement
Condividi: