Come coltivare le patate in vaso a casa per avere a portata di mano un prodotto biologico a costo zero

È possibile coltivare le patate in vaso a casa, avendo così sempre a disposizione un prodotto della terra biologico, con cui preparare diversi piatti gustosi da portare in tavola.

Le patate sono tra gli ingredienti più utilizzati ed apprezzati dalla cucina italiana, che le usa per preparare una ricca varietà di pietanze, sfruttando la loro grande versatilità.

Ma il tubero ottenuto dalle piante della specie Solanum tuberosum è anche una preziosa riserva di sostanze nutrienti.

Il tubero infatti fornisce una buona fonte di: vitamine del gruppo B, selenio, fosforo, potassio, magnesio.

Chi ha il pollice verde può provare a coltivare le patate in vaso, se proprio non può contare su un piccolo appezzamento di terreno da utilizzare come orto.

Anche se può sembrare un’impresa difficile, con un po’ di impegno, sarà possibile avere una scorta personale di patate direttamente a casa propria.

Bastano pochi accorgimenti per riuscire a coltivare le patate in vaso ed averle così a portata di mano, disponibili per la preparazione di vari piatti.

Ecco come coltivare le patate in vaso

Ecco come coltivare le patate in vaso

Se si vuole provare a coltivare le patate in vaso è necessario per prima cosa procurarsi delle patate per la semina, facili da trovare nei vivai o nei negozi specializzati, si tratta di tuberi da destinare alla sola coltivazione.

Inoltre serve un vaso abbastanza capiente, di circa 40 centimetri di altezza, e del buon terriccio da semina, meglio optare per una composizione biologica e certificata.

Si devono quindi disporre le patate nel vaso distanziandole tra di loro di qualche centimetro.

Si deve fare attenzione poi a mettere il tubero nella terra con “l’occhio” rivolto verso l’alto: ossia con la macchia sulla punta della patata che punta sopra.

Il vaso delle patate si deve tenere in un luogo abbastanza fresco, in attesa che spuntino i primi germogli.

A questo punto si deve tagliare la patata a pezzi per poi sotterrala dentro il vaso riempito con il terriccio, facendo attenzione a lasciare un pezzo di patata sulla superficie.

Si deve inoltre avere cura ad annaffiare regolarmente le patate nel vaso, in modo da lasciare il terriccio sempre leggermente umido.

Un’altra attenzione da riservare quando si decide di coltivare le patate in vaso è quella di controllare quando le foglie diventano gialle: questo è infatti il segno che indica che si possono raccogliere le patate.

Leggi anche:

Condividi: