Pordenone. Carro armato dell’esercito spara in direzione del centro abitato e colpisce un allevamento di galline

Advertisement
Advertisement

Un carro armato dell’esercito, nel corso di un’esercitazione di tiro, ha sparato in direzione del centro abitato, centrando un allevamento di galline.

Un episodio che si è verificato in un poligono riservato alle Forze Armate sul torrente Cellina, dove il mezzo avrebbe sbagliato mira finendo per colpire un allevamento di galline di Vivaro, in provincia di Pordenone.

Un incidente che ha provocato il crollo di una parte del manufatto che ospitava le galline, causando la morte di diversi animali.

I titolari dell’azienda agricola che si sono ritrovati davanti agli occhi non solo il crollo del capannone ma anche il decesso di molte galline, si sono rivolti ai Carabinieri della Compagnia di Spilimbergo.

Advertisement

Carro armato dell’esercito spara in direzione del centro abitato, la Procura apre un’inchiesta

Pordenone Carro armato

Le indagini condotte dai militari hanno permesso di ricostruire l’accaduto, risalendo all’incidente da imputare allo sbaglio del carro armato dell’esercito, durante un’esercitazione notturna della Brigata Pozzuolo del Friuli.

Nel corso dell’esercitazione, a cui hanno preso parte sia gli uomini del Genova Cavalleria sia i Lagunari di Venezia, nessuno si è reso conto dell’errore commesso, in quanto lo sparo del carro armato dell’esercito non ha provocato alcun incendio.

Advertisement

La Procura di Pordenone ha deciso di avviare un’inchiesta per fare chiarezza sull’episodio che ha provocato il crollo di un capannone, dove si ospitavano delle galline d’allevamento.

Le indagini affidate ai Carabinieri hanno fatto emergere che nel corso dell’esercitazione si sono impiegati 4 carri armati, che sono stati posti sotto sequestro.

Il proseguo delle indagini dovrà spiegare i motivi per cui il carro armato dell’esercito “Blindo centauro” abbia sparato in direzione del centro abitato, dalla parte opposta rispetto all’area riservata ai tiri di prova.

Advertisement

Leggi anche:

Condividi: