14 applicazioni sul cellulare degli adolescenti da tenere d’occhio

Le tecnologie che hanno invaso le nuove generazioni hanno generato numerosi dibattiti sulle possibilità di comunicazione che offrono, in paradosso con l'alienazione che possono creare

La polizia di Sarasota, Florida, Stati Uniti, ha affermato che sono in totale 14 le applicazioni installate sui cellulari di milioni di adolescenti da tenere d’occhio.

Sebbene non siano tutte pericolose, anzi, al contrario possono trasformarsi in uno strumento privilegiato per molti apprendimenti, la polizia di Sarasota ha ritenuto che fosse necessario avvisare i genitori su determinate applicazioni che è assolutamente necessario conoscere.

Le applicazioni sui cellulari degli adolescenti che ogni genitore dovrebbe conoscere

L’elenco pubblicato dall’ufficio dello sceriffo a maggio 2018 include social media, siti di incontri e app per nascondere determinati contenuti.

L’ufficio vuole anche impedire l’esposizione a determinati messaggi indesiderati, inclusi i messaggi di natura sessuale di varie pubblicità o di predatori sessuali.

applicazioni sui cellulari

Ecco l’elenco delle 15 applicazioni:

  • Ask.fm 

Ask è un’interfaccia per porre domande agli utenti, note alla polizia per certe intimidazioni. L’app incoraggia gli utenti a creare profili anonimi per porre domande ed è collegata a molti suicidi .

  • Badoo

Badoo è un’app di incontri in cui tutti possono chattare e condividere foto. Utilizza la posizione di tutti per incontrarsi nelle vicinanze, e sebbene sia destinato solo agli adulti, alcuni bambini la usano quotidianamente.

  • Bumble

Bumble è una rete simile a quella di Tinder, che mette in contatto uomini e donne per possibili incontri. A differenza di Tinder, Bumble consente alle donne di fare il primo passo. Per ovvi motivi, è in realtà un’applicazione dedicata esclusivamente ai maggiorenni.

  • Grindr

Grindr è un’app di appuntamenti per persone gay, bisessuali e transgender. Utilizza anche la posizione GPS degli smartphone .

  • Holla

Consentendo la chat video, Holla può diventare pericolosa, in quanto può esporre a insulti razziali e contenuti illegali.

L’elenco comprende alcune delle app più famose e utilizzate

  • Hot or Not

Si tratta di una rete che consente di valutare le persone in base al loro fisico e al loro profilo e di chattare con estranei.

  • Kik 

Lodata da oltre 240 milioni di utenti, questa applicazione promuove le interazioni tra tutti, sempre e ovunque. Pertanto, a differenza di altre applicazioni in cui puoi scegliere i tuoi “amici”, Kik offre un elenco illimitato di contatti che può quindi essere pericoloso per i bambini.

  • Live.me

Live.me è un’applicazione di video in streaming live che utilizza la geolocalizzazione per condividere video in modo che gli utenti possano conoscere la posizione esatta dell’emittente.

  • MeetMe

MeetMe è una rete di incontri basata sulla prossimità geografica in cui gli utenti sono invitati a incontrarsi.

  • Skout

Sito di incontri online riservato agli adulti, i bambini possono comunque creare account falsi e registrarsi.

  • Snapchat

L’applicazione più popolare negli ultimi anni, Snapchat consente la diffusione di immagini e foto con varie funzionalità e contenuti che possono scomparire dopo 24 ore. La posizione può anche essere condivisa lì.

  • TikTok

Un’applicazione su dispositivo mobile che consente di creare e condividere video. Con controlli della privacy molto limitati, gli utenti sono esposti a intimidazioni  e contenuti espliciti.

  • Whatsapp

Un’applicazione di messaggistica gratuita, la più famosa e utilizzata, consente di inviare messaggi, foto, video ed effettuare chiamate in tutto il mondo.

  • Whisper

E’ un social network anonimo che incoraggia la condivisione di segreti con estranei che poi sono incoraggiati a incontrarsi.

Regole per l’uso corretto delle applicazioni 

In Francia, il dott. Christophe André è specializzato in psichiatria all’ospedale Sainte-Anne e ha eslpicitamente dichiarato di essere contro l’utilizzo di queste applicazioni.

Ha confessato i suoi timori, sul sito internet Psychologies, dichiarando che è essenziale rimanere sempre vigili quando si tratta di adolescenti e dispositivi elettronici.

Leggi anche:

Back to top button