Fano. Studente di un istituto superiore vuole stare in classe senza mascherina e si incatena al banco: nella scuola scoppia il caos

Uno studente di un istituto superiore scatena un putiferio perché vuole stare in classe senza mascherina portando a suo sostegno il parere di un presunto costituzionalista.

Il 18enne dopo essere entrato a scuola si è incatenato al banco, oltre ad aver distribuito ai compagni di classe un opuscolo stilato dal famigerato costituzionalista, che lo starebbe plagiando, secondo il parere di chi lo conosce.

In classe si è cercato per più di due ore di convincere il ragazzo, che vuole stare in classe senza mascherina, ad interrompere la sua protesta. Dopo questo episodio, a scuola sono arrivati sia gli uomini della polizia che del 118.

Il giovane preso in custodia dai sanitari dopo aver creato un caos a scuola ha spiegato ai media fanesi la sua posizione: “Sto bene, sono qui al reparto psichiatrico di Pesaro, a Muraglia, perché mi hanno fatto un Tso e mi hanno detto che dovrò restare qui una settimana. In questo momento una dottoressa mi sta portando via tutti gli oggetti pericolosi. Mi hanno dato dei calmanti al Santa Croce e poi mi hanno trasferito a Pesaro, a Muraglia. I miei genitori non sono con me”.

Leggi anche: Cartabianca. Scontro infuocato tra Massimo Cacciari e il professor Galli sul coprifuoco: “Io non sono un virologo, ma cerco di ragionare”, tuona il filosofo

Nel corso dell’intervista telefonica con il ragazzo che protesta perché vuole stare in classe senza mascherina si è raccolta la testimonianza anche di una dottoressa che ha detto: “Questo ragazzo ha attorno persone che lo stanno mal consigliando…Il giovane deve stare sereno, la telefonata deve terminare qui”.

È quindi emerso che il 18enne finito al centro della cronaca locale, perché vuole stare in classe senza mascherina, stia risentendo dell’influenza di qualcuno. Una volta entrato in aula alla presenza di una ventina di compagni di classe e di un professore, il ragazzo ha messo in atto una nuova protesta e dopo una lunga trattativa è stato fatto uscire. Non era la prima azione di protesta del 18enne, ma la quinta, a dimostrazione del fatto che è deciso a proseguire nella sua contestazione.

in classe senza mascherina fano

La protesta di uno studente di un istituto superiore: vuole stare in classe senza mascherina

La dirigente dell’istituto scolastico ha dichiarato sulla vicenda: “Non come preside e nemmeno come insegnante questa mattina sarei scesa in strada, perché ’il costituzionalista’ che ha portato in queste condizioni questo ragazzo era davanti alla scuola. Sarei scesa per dargli un pugno in faccia. Perché lo ha plagiato e questa storia mi addolora profondamente, soprattutto come mamma.

In classe con il cellulare in viva voce parlava con quello che lui chiama ’il costituzionalista’. Che gli ha anche suggerito che se la polizia lo avesse portato via con la forza, per gli agenti sarebbe stata una aggravante. Lei capisce che razza di situazione è […]”.

Leggi anche: Napoli. Caos vaccini: un cittadino convocato per la vaccinazione sputa in faccia ad una guardia giurata

Anche se il ragazzo ha seguito i paramedici, poi al pronto soccorso del Santa Croce si è ribellato, costringendo gli agenti e due infermieri ad intervenire somministrandogli dei calmanti. Il giovane è stato poi trasportato a Pesaro.

Un docente del 18enne che vuole stare in classe senza mascherina parlando di lui ha detto che è un ragazzo intelligente e bravo con i computer, ma con la “vocazione del bastian contrario”. Prima del ricovero in psichiatria, la preside aveva detto: “Abbiamo scelto l’unica strada possibile: lezioni da casa fino a quando non deciderà di indossare la mascherina”.

Condividi: