Covid. “Salgono i contagi tra gli under 20: il numero di casi supera quello dei più adulti”, è l’allarme dell’Iss

Advertisement
Advertisement

L’Istituto Superiore di Sanità (Iss) ha recentemente lanciato un preoccupante allarme relativo ad un dato che si è evidenziato nel mese di gennaio 2021: i contagi Covid tra gli under 20 sono in aumento.

Una casistica che desta non solo timori ma anche interrogativi, visto che si tratta della prima volta da quando ha avuto inizio la pandemia.

Secondo le analisi condotte dall’Iss si è rilevata una maggiore incidenza di casi nel range di età dei soggetti compresi tra i 13 anni ed i 19 anni.

I contagi Covid tra gli under 20, a partire dalla fine di gennaio 2021, sono in aumento e questa incidenza ha addirittura superato, per la prima volta da quando la pandemia ha avuto inizio in Italia, quella delle fasce di popolazione più adulte.

Advertisement

Anche nel corso del mese di febbraio il trend si è riconfermato, almeno in parte, segnalando un significativo numero di casi di Covid-19 nella fascia sotto i 20 anni.

Covid under 20

Preoccupa l’incidenza di contagi Covid tra gli under 20 tra gennaio/febbraio 2021

L’allarme dell’Iss è stato lanciato attraverso il report dal titolo “Focus sull’età evolutiva” che è stato di recente presentato al Cts.

Advertisement

In questa relazione si documenta un dato critico: 150 casi contagi Covid tra gli under 20 per 100mila abitanti, tra gennaio/febbraio 2021.

Si tratta fino ad oggi del valore più alto che si è registrato da un anno a questa parte tra i 13-19 anni, mentre nei più piccoli l’incidenza è minore.

Anche se i contagi Covid tra gli under 20 sono superiori rispetto alla popolazione più adulta, il quadro clinico si presenta con una sintomatologia lieve, infatti tra i casi che si sono diagnosticati, pochi sono quelli gravi.

Advertisement

In base ai dati del report “Focus sull’età evolutiva”, i casi da Covid nelle fasce di età più giovani risultano lievi in circa il 60%.

Mentre la percentuale rimanente si caratterizza per pochi e passeggeri sintomi che non destano grandi preoccupazioni.

Il rapporto stilato dall’Iss ha inoltre rilevato il numero assoluto dei casi nella fascia di età sotto i 20 anni, che sono stati sopra i 106mila nel mese di novembre 2020.

Una casistica che è calata a 61mila a dicembre per rimanere quasi costante nel mese di gennaio 2021.

Secondo i dati censiti a novembre, si è verificato il picco di ricoveri in terapia intensiva per queste fasce di età, per poi andare incontro ad un calo a dicembre e nel mese di gennaio.

Condividi: