“La terza ondata Covid è arrivata e ci farà ancora più male”, la preoccupante previsione di Matteo Bassetti

Matteo Bassetti ha recentemente rilasciato delle dichiarazioni allarmanti, dichiarando con convinzione che la terza ondata è già in corso e palesando i suoi timori.

Secondo il parere critico del direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, e componente dell’Unità di crisi Covid-19 della Liguria, per dare un freno ai contagi di Coronavirus è necessario dare un’accelerata alle vaccinazioni.

Il professor Bassetti nel corso delle sue dichiarazioni raccolte da Adnkronos Salute ha affermato con tono profetico:

“La terza ondata è arrivata e farà male”.

Bassetti La terza ondata Covid arrivata

La previsione di Matteo Bassetti sulla terza ondata

Analizzando il contesto attuale della situazione epidemiologica, Matteo Bassetti ha spiegato:

“Purtroppo sembra iniziata la terza ondata, abbiamo avuto un aumento significativo dei ricoveri in terapia intensiva e non mi pare quindi che ci si siano più dubbi.

Questi numeri in risalita riguardano solo alcune Regioni e quindi sono ancora più gravi, ma se dovessero aumentare uniformemente in tutto il Paese la situazione sarebbe più complicata. Dobbiamo fare attenzione”.

L’esperto di malattie infettive, lasciando trasparire la sua apprensione in merito alla terza ondata, ha dichiarato:

“Temo che questa terza ondata farà male e dobbiamo avere molta pazienza per tutto il mese di marzo, correre con le vaccinazioni e sperare che le misure di contrasto ci aiutino a ridurre il contribuito di vittime”.

Secondo Matteo Bassetti è necessario quindi contrastare i contagi velocizzando le vaccinazioni.

Solo in questo modo sarà possibile contrastare non solo la diffusione del virus ma anche le varianti, a partire da quella inglese che al momento è la più preoccupante.

Le dichiarazioni di Matteo Bassetti sulla possibilità di somministrare una sola dose di vaccino

Il professor Bassetti nel corso della sua intervista a Adnkronos Salute ha preventivato la possibilità di somministrare una sola dose di vaccino, nel caso di soggetti che hanno già avuto il Covid.

A tal proposito ha infatti dichiarato:

“Una sola dose di vaccino per chi ha avuto il Covid è una buona cosa e ci permette di risparmiare anche le fiale di vaccino.

In Italia abbiamo avuto 2,5 milioni di persone colpite con certezza ma sicuramente saranno almeno il doppio, quindi potremmo risparmiare diversi milioni”.

Inoltre Matteo Bassetti si è espresso anche su un altro tema: posticipare la seconda dose del vaccino per poter così vaccinare una fetta più ampia della popolazione.

Ed infatti ha avanzato la tesi di posticipare il richiamo come confermano le sue parole:

“Per il vaccino AstraZeneca si può pensare di fare la seconda dose dopo 3, anche 4 mesi; per Pfizer e Moderna anziché farla tra la terza o quarta settimana, si può portarla a 6-8 settimane e si guadagna del tempo”.

Condividi: