Ragazza trovata morta nel letto: era appena stata dimessa dall’ospedale

Il ministro della salute ha avviati le indagini all'ospedale di Belcolle

Una ragazza è stata trovata morta nel suo letto a Viterbo, dopo che la sera prima, i medici dell’Ospedale di Belcolle l’avevano dimessa.

La 16enne, di nome Aurora. G, la sera di San Valentino aveva accusato un malore che aveva preoccupato i suoi genitori, che avevano deciso di portarla in ospedale.

Ragazza trovata morta: il ministro Speranza avvia i controlli

L’hanno trovata morta, sabato mattina, riversa nel letto, i suoi genitori. La sera prima i medici dell’ospedale di Belcolle, dopo un’accurata visita, avevano deciso di dimetterla.

La ragazza aveva accusato un malore. Negli ultimi giorni non era stata bene, era dimagrita molti chili e faceva fatica a dormire.

Aurora pare che sia morta per cause naturali, ma l’indagine dei carabinieri è partita proprio a causa delle dimissioni della sera prima.

Anche il ministro della salute Roberto Speranza, ha avviate un’indagine per capire cosa è stato sbagliato o cosa eventualmente non è stato fatto.

Alessio D’amatao, assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, ha dichiarato in una nota diramata dopo il decesso che:

“hanno immediatamente disposto dal Sistema sanitario regionale l’audit clinico sul decesso della giovane per verificare le procedure cliniche eseguite presso l’ospedale prima delle dimissioni. L’Azienda sanitaria di Viterbo resta a completa disposizione dell’autorità giudiziaria per stabilire le cause del decesso”.

Una morte che lascia sgomenti

I genitori di Aurora, l’hanno trovata priva di vita sabato mattina nel letto della sua casa a Montefiascone, in provincia di Viterbo.

I carabinieri hanno avviato immediatamente un’indagine, in concomitanza con quella del ministro della salute che ha inviato una task force di ispettori ministeriali all’ospedale di Belcolle.

La Procura di Viterbo ha aperto un fascicolo con l’accusa, al momento di omicidio colposo. Che servirà a far luce sulla morte, assurda, della sedicenne.

Che stava male da almeno 10 giorni, ma il suo stato di salute e il fatto che avesse perso molti chili, non ha allertato i medici dell’ospedale presso cui si è rivolta.

La salma è a disposizione dell’autorità giudiziaria. Nei prossimi giorni all’ospedale di Belcolle, verrà effettuata l’autopsia sul corpo della giovane, che sicuramente farà luce sulle cause che hanno spezzato una giovanissima vita.

Nel frattempo, nella giornata di domenica 16 febbraio, il paese in cui viveva, le ha dedicato il tradizionale evento di carnevale, in cui una serie di carri allegorici ha sfilato per tutta la giornata.

La decisione è stata presa dall’amministrazione comunale in accordo con la famiglia di Aurora.

Leggi anche:

Back to top button