Si reca in ospedale per dei dolori: donna morta dopo colonscopia

La donna era originaria di Pavia ma viveva a Vasto

Una donna è morta dopo una colonscopia, un intervento di routine, solitamente per nulla rischioso. La Procura di Chieti ha deciso di aprire un’indagine per far luce sulla tragedia.

Aveva 48 anni ed era originaria di Pavia. Ma da molti anni viveva a Vasto, insieme al suo compagno che non l’ha lasciata un momento ed è rimasto accanto a lei fino all’ultimo.

Donna morta dopo colonscopia: cosa è successo?

La donna aveva accusato dei forti dolori gastrointestinali che con il passare dei giorni erano aumentati di intensità. Da qui la decisione di recarsi al più vicino ospedale, il San Pio di Vasto.

Lì i medici hanno valutato la situazione piuttosto critica e hanno deciso di sottoporre la vittima ad ulteriori accertamenti, nello specifico una colonscopia.

Il personale dell’ospedale di Vasto, l’hanno trasferita all’Ospedale di Ortona che ha provveduto ad effettuare il suddetto esame. Ma qualcosa deve essere andato storto, perché la 48enne, dopo tante ore di sofferenza è morta nella notte.

Prima del decesso, i medici, l’hanno sottoposta ad un intervento d’urgenza, nel tentativo di rimediare ai danni, probabilmente, scaturiti durante la colonscopia.

Ancora non è chiaro cosa sia successo nello specifico, anche se le autorità sospettano una perforazione dell’intestino avvenuta, forse, per qualche manovra errata.
La donna è morta durante la notte all’Ospedale Renzetti di Lanciano. La Procura della Repubblica di Chieti ha aperto un’inchiesta, che avrà lo scopo di chiarire cosa è successo alla vittima.

muore dopo la colonscopia

L’autopsia chiarirà ogni dubbio

Sul corpo di Elisabetta G, originaria di Pavia, ma residente a Vasto da molto tempo, verrà quasi certamente disposta l’autopsia, che potrebbe chiarire le cause della morte.

Al momento l’ipotesi di reato, contro ignoti, è di omicidio colposo. Giuseppe Falasca è il pm di turno che ha aperto l’inchiesta, dopo che il caso è stato segnalato alla magistratura dalla stessa azienda sanitaria.

Il compagno della donna, distrutto, le è rimasto vicino fino a quando non è sopraggiunta la morte. La donna era stata ricoverata in gravissime condizioni all’ospedale Bernabeo di Ortona.

Adesso resta da chiarire cosa sia davvero successo durante un’operazione di routine e assolutamente non pericolosa che è la colonscopia.

Lo chiede il suo compagno e anche le persone che le volevano bene e che adesso si ritrovano a dover fare i conti con una tragedia che non ha spiegazioni.

Leggi anche:

 

 

Back to top button