Pippo Baudo spietato con Fedez: “Ha esagerato! Ecco cosa avrei fatto se avessi condotto io il concerto”, tuona severo

Anche Pippo Baudo è intervenuto sul caso Fedez commentando quando accaduto sul palco del Primo Maggio ai microfoni dell’agenzia stampa Adnkronos. Lo storico conduttore ha duramente attaccato il rapper per il contenuto del suo monologo ma anche per quello che ha causato a livello mediatico. L’ex conduttore Rai, alla soglia dei suoi 85 anni, si è schierato tra le fila degli osteggiatori del rapper, definendo il suo discorso esagerato e fuori contesto.

Baudo ha anche usato parole dure sul modo di fare di Fedez ammettendo: “Poteva fare spettacolo, mentre fa ogni cosa per essere protagonista”. Intervistato ad Adnkronos, il popolare conduttore ha reso noto il suo parere sul caso Fedez commentando: “Se avessi condotto io il concertone del Primo Maggio avrei spento le telecamere a Fedez durante il suo discorso”.

Leggi anche: Franco Di Mare respinge le accuse di Fedez: “Nessuna censura, c’è stata una manipolazione dei fatti. Attendiamo delle scuse”

Pippo Baudo che vanta una lunga esperienza con oltre mezzo secolo di carriera in televisione ha criticato severamente ciò che è avvenuto sul palco del Concertone, sottolineando una sorta di strumentalizzazione del potere mediatico, sostenendo che Fedez ha esagerato facendosi portavoce di una propaganda.

Pippo Baudo critica senza pietà Fedez

Pippo Baudo critica senza pietà Fedez

“Fedez ha esagerato. Poteva fare spettacolo, mentre fa ogni cosa per essere protagonista. E ha sbagliato a fare quel discorso in una sede che non era sua. L’errore che ha commesso la Rai è stato quello di non dire semplicemente che quel palcoscenico era il suo ed a lei competeva l’autorizzazione. Chiedere il testo dell’intervento di Fedez è stato senza dubbio corretto. Se tu vieni a casa mia e io ti ricevo nel mio salotto, io voglio sapere cosa ci vieni a fare” – questo il parere critico di Pippo Baudo.

Leggi anche: Fedez nella morsa delle critiche: i suoi testi accusati di omofobia. Il rapper si difende a spada tratta

Il conduttore ha anche precisato, parlando con Adnkronos, che il ddl Zan è un tema delicato che meritava di essere affrontato con la dovuta accortezza, e non su un palco dove da sempre si discute di lavoro e diritti dei lavoratori. A tal proposito Baudo ha dichiarato: “Gli argomenti che Fedez ha toccato sono complicati e non si può utilizzare il mezzo pubblico in maniera così indiscriminata. Bisogna stare attenti perché si ripercuote sulla società in modo divisivo”.

Si è anche espresso sulla scelta della Rai di bandire Fedez e di procedere con una possibile denuncia: “Per querelarlo ormai è troppo tardi, equivarrebbe solo fargli il doppio della pubblicità” – ha concluso categorico Pippo Baudo.

Condividi: