Mamma avvelena il figlio di 11 anni con gli psicofarmaci e nasconde il cadavere

La donna ha confessato di aver dato degli psicofarmaci al figlio, una dose eccessiva che ne ha causato la morte

Una mamma avvelena il figlio di 11 anni con gli psicofarmaci e poi occulta il suo corpo.

La protagonista di questa tragica vicenda è Alexandra Dougokensk di Planalto che ha avvelenato suo figlio, Rafael Mateus Winques. L’accaduto si è registrato nello stato del Rio Grande do Sul, in Brasile.

La donna dopo aver ucciso il ragazzo ha fatto sparire il cadavere ed in seguito ha denunciato la scomparsa del figlio alla polizia.

Dopo la denuncia della mamma che avvelena suo figlio. sono scattate le indagini della polizia.

Così gli agenti si sono concentrati a perlustrare tutta la zona vicina alla loro abitazione per poi spingersi oltre. Dopo 10 giorni di indagini sono sorti i primi sospetti nei confronti della stessa donna.

In seguito ad un pressante interrogatorio da parte della polizia, la donna ha confessato. Si è appresa la verità sulla mamma che avvelena il figlio di 11 anni.

avvelena il figlio

Nel corso delle sue dichiarazioni la donna ha provato a giustificarsi dicendo che si era trattato di una fatalità.

Mamma avvelena il figlio e dopo occulta il corpo

Nel suo racconto la madre dichiara di essere entrata in camera del figlio e di non averlo trovato, notando poi che la porta di casa era socchiusa.

Una ricostruzione che doveva inscenare un rapimento. In seguito al ritrovamento del corpo del ragazzo, le indagini si sono dirottate verso la donna.

Dopo l’interrogatorio, la donna ha confessato di aver dato degli psicofarmaci al figlio, una dose eccessiva che ne ha causato la morte.

La tragica vicenda della mamma che avvelena il figlio e lo uccide diventa ancora più raccapricciante.

Infatti, la madre spaventata, dopo aver constatato che il figlio era morto, lo ha avvolto in un lenzuolo e lo ha sepolto. Così si è scoperta la causa della morte di Rafael Mateus Winques: la madre ha avvelenato suo figlio.

Leggi anche:

Back to top button