Discoteca per anziani, un’idea per combattere l’isolamento della vecchiaia

Lavorare a maglia, prendersi cura di quindici gatti, leggere il giornale su una sedia a dondolo, stare a casa - queste sono solo alcune delle tante cose associate alla vecchiaia

Il “Posh Club” è una discoteca per anziani che si trova a Londra, che ha l’obiettivo di evitare l’isolamento che si verifica con la vecchiaia.

E’ nata grazie ai fratelli Simon Casson e Annie Bowden, che volevano fare qualcosa per la madre, che si sentiva costantemente sola. Così organizzarono un tea party e invitarono alcuni amici della madre che avevano tra gli 80 e i 90 anni.

Discoteca per anziani: un’attività che attira i consensi di tutti

Vedendo l’effetto positivo di questo incontro sulla madre, Simon e Annie decisero di passare al livello successivo: assunsero e decorarono la sala della chiesa locale e aprirono l’invito a tutti gli anziani del quartiere.

La comunità ha iniziato a crescere costantemente, e ora il Posh Club ha istituito cinque importanti locali notturni in tutta Londra.

discoteca anziani

Considerato “un cabaret glamour per le persone anziane”, ciò che si verifica negli eventi Posh Club non è lontano dalle feste tipiche a cui partecipano i giovani.

La differenza è che bevono tè invece di alcol, caramelle invece di patatine e ci sono bastoni e stampelle sparsi sulla pista da ballo (perché sì, ballano anche le persone anziane!).

Oltre all’obiettivo principale del club di riunire una comunità più felice e più sana di anziani, i titolari hanno tentato anche di creare un punto di incontro tra le generazioni più giovani e quelle più anziane.

“Penso che abbiamo perso molta interazione tra i secoli, non è il genere di cose che il capitalismo incoraggia”, ha spiegato Simon.

Questo è anche il motivo per cui l’elenco dei volontari per il club è composto da persone di età diverse. Le cose sembrano andare meglio per Posh Club, ma il volontario Dickie ammette che tutti gli eventi di successo sono possibili attraverso donazioni, e per quanto vogliano organizzare più eventi, devono essere limitati.

Dickie ha anche detto che le persone di altre città si presentano agli eventi ed esprimono il desiderio di avere lo stesso tipo di comunità nel proprio quartiere.

La solitudine e l’isolamento sono condizioni molto comuni e gravi vissute dalla maggior parte degli anziani, che influiscono negativamente sulla loro qualità di vita

L’iniziativa volontaria nel creare una tale comunità è un grande passo per aiutare a combattere la solitudine e l’isolamento. In quanto non solo crea un senso di appartenenza, ma rompe anche lo stereotipo che gli anziani non possono più divertirsi.

“Di solito ci definiamo adolescenti riciclati. Siamo in pensione, non scaduti “, ha detto Margaret Koroidovi, una donna di 71 anni.

Forse è tempo di dare loro ragione, giusto? Chi dice che le persone anziane hanno smesso di celebrare la vita?

Leggi anche:

Back to top button