Un infermiere canta per gli anziani con l’Alzheimer. Il video diventa virale e commuove il web

“Cantare e fare sorridere il paziente è la migliore medicina. Il malato dimentica il dolore, si distrae da esso, prova sollievo.”
Questa è la ricetta di un infermiere brasiliano, Flávio Vitorino Costa e ogni giorno la “prescrive” ai pazienti affidati alle sue cure.

L’uomo svolge la sua professione da 34 anni, si divide tra corsie e ambulanze, aiuta decine di vite ogni giorno.
Per alleviare le sofferenze e il dolore dei pazienti a lui affidati, ha scoperto nella musica il suo principale alleato.
Per facilitare le operazioni e le procedure mediche, a volte molto dolorose, Flávio canta per distrarre i suoi pazienti.

Circa un mese fa si è occupato di un uomo di 87 anni ricoverato per un sospetto di infarto. Durante una visita, conversando, l’anziano signore rimpiangeva il non poter ricordare le parole della sua canzone preferita a causa dell’Alzheimer.

“La conoscevo, ho cantato per lui…” – racconta l’infermiere e pian piano le parole riaffioravano nella memoria del paziente.
Il video dove cantano insieme, si è diffuso nella rete ed ha raggiunto 2,8 milioni di visualizzazioni.
Eccolo qui per voi:

Atendimento humanizado de um senhor portador do mal de Alzheimer, ele disse que gostava de bolero mas não se lembrava de nenhum então eu cantei um pra ele acompanhar #vidadesamuzeiro ❤❤❤❤

Pubblicato da Flavio Vitorino Costa su Giovedì 28 marzo 2019

Flávio ha lavorato presso l’Ospedale Regionale di Sobradinho per 16 anni, tra il 1992 e il 2008.
Dopo quel periodo, è entrato a far parte della squadra di pronto soccorso di Samu nel Distretto Federale.
Di solito canta per i pazienti al mattino presto quando inizia a lavorare. “Canto per svegliare tutti, come un’alba festosa.
Quello che la gente pensava fosse un’eccezione, è in realtà la regola. Faccio di tutto per umanizzare le cure, migliorarle, ridurre la sofferenza. Io canto, suono, dico una battuta. ”

Oggi l’uomo ha 55 anni ed ha una grande esperienza di pronto soccorso. Oltre questo, è un musicista appassionato.
Figlio di genitori entrambi cantanti, l’uomo aveva pensato di intraprendere una carriera artistica, ma venne scoraggiato proprio dal padre.

“In passato, condurre una vita da artista, una vita bohémien non era molto ben visto. Non voleva che seguissi le sue orme, ma la musica è sempre stata nella mia vita”.
Così l’aspirante cantante scelse la strada infermieristica, ma ha continuato a dedicarsi alla musica nel tempo libero.
È il direttore del corso di tamburo presso scuola Aruc Samba di Cruzeiro.

Per l’infermiere, la musica è un modo per alleviare lo stress. Oltre ad alleggerire il carico emotivo dei pazienti che frequenta, la musica rinnova le sue forze e le sue energie.

“Noi infermieri viviamo in una spirale psicologica molto forte. Ogni giorno vedo persone che muoiono, bambini che soffrono, anziani maltrattati… questo mi scuote profondamente…”.

Per non portare il peso di tutto quel dolore nella mia vita privata e per alleggerire il dolore dei pazienti al lavoro, faccio della musica una valvola di sfogo, la cura per tutti i mali. ”

La nostra stima per quest’uomo che ogni giorno è a contatto con la sofferenza, la nostra ammirazione per la sua profonda umanità, il nostro applauso più bello: quello che arriva dai nostri cuori commossi.

Back to top button