Lo stress e la tristezza possono spezzare il cuore. Soprattutto quello delle donne

I ricercatori hanno confermato negli ultimi anni ciò che le persone sospettavano da tempo: lo stress estremo può letteralmente spezzarti il ​​cuorr

Il cuore spezzato è una condizione molto rara non provocata solo dalla perdita di una persona cara. Ma anche da altri fattori come stress, perdita del lavoro e trattamenti medici.

La sindrome, nota come cardiomiopatia takotsubo, colpisce principalmente le donne. Sebbene la letteratura medica sulla sindrome del cuore spezzato sia rara, sempre più casi vengono rivelati, con ulteriori informazioni su come ciò accada e sui rischi.

cuore spezzato

Cuore spezzato: una condizione rara ma reale

All’inizio di quest’anno, i ricercatori canadesi hanno riportato un caso di sindrome del cuore spezzato in una donna di 63 anni in trattamento per carcinoma mammario metastatico.

Per un periodo di sei anni, i ricercatori del MD Anderson Cancer Center di Houston hanno scoperto che 30 pazienti trattati per il cancro rientravano nei criteri per la sindrome del cuore spezzato.

Fortunatamente, nessun paziente ha avuto una recidiva, ma i ricercatori affermano che la diagnosi dovrebbe essere presa in considerazione nei pazienti oncologici che soffrono di dolore toracico.

In un altro rapporto, un medico ha presentato i casi di due donne anziane, una trattata per malattia polmonare cronica e l’altra per gastrite, che soffrivano di una sindrome del cuore spezzato.

Quando il cuore del paziente “si spezza”, la camera di pompaggio principale, il ventricolo sinistro, si indebolisce, causando dolore e mancanza di respiro.

La malattia è reversibile e temporanea, ma può portare a complicazioni simili a quelle che seguono un infarto. Gli esperti ritengono che ciò sia dovuto a un’inondazione di ormoni (come l’adrenalina) prodotti durante una situazione stressante che stordisce il cuore.

Questo è quello che è successo a Joanie Simpson, 63 anni, che aveva una sindrome del cuore spezzato 2 anni fa dopo la morte della sua amata Yorkshire terrier, Meha.

La morte di Meha è stata solo una dei tanti problemi che Simpson aveva in quel momento. Suo marito stava per andare in pensione. E la vendita di alcuni immobili non stava andando bene.

Suo figlio stava lottando con un peggioramento dei problemi alla schiena. E suo genero aveva perso il lavoro.

Poi alla piccola Meha, adottata dalla coppia quando aveva solo un anno, fu diagnosticata un’insufficienza cardiaca congestizia.

Il suo declino è stato difficile da guardare. E dopo la sua morte, Joanie si svegliò con dolori al petto e alle spalle, temendo il peggio: un enorme attacco di cuore.

All’ospedale, il suo medico, Abhijeet Dhoble, MD, un cardiologo del Memorial Hermann Heart & Vascular Institute di Houston, ha pensato la stessa cosa.

Ma dopo aver eseguito i test, ha trovato una causa diversa del suo dolore: un cuore spezzato.

Secondo Dhoble, nel 2012 sono stati segnalati più di 6.200 casi di sindrome del cuore spezzato negli Stati Uniti, rispetto ai circa 300 nel 2006.

La maggior parte dei pazienti sono donne. L’aumento, dice, è probabilmente dovuto al fatto che più persone sono consapevoli della malattia.

“La malattia non si verifica solo dopo la morte di una persona o di un animale domestico”, afferma Jeffrey Decker, MD, capo della sezione di cardiologia clinica presso l’Istituto Frederik Meijer per lo spettro e la salute vascolare di Grand Rapids, MI.

Il dolore intenso può scatenare la sindrome. Lo stesso vale per un attacco d’asma, una feroce discussione, una festa a sorpresa o persino un discorso pubblico.

I sintomi imitano un attacco cardiaco, quindi dolore al petto e respiro corto. Possono anche verificarsi nausea, vomito e palpitazioni. “Ma solo i test possono mostrare la diagnosi”, dice Dhoble.

Circa il 95% dei pazienti guarisce entro un mese o due. “Di solito la prognosi è piuttosto buona”, afferma Decker. I pazienti generalmente ricevono gli stessi farmaci usati per trattare l’insufficienza cardiaca congestizia per sostenere e rafforzare il cuore.

La morte è rara nelle persone che non hanno complicanze, con un tasso di mortalità inferiore al 3%.

Ma ci sono meno notizie buone per coloro che hanno complicazioni, ovvero circa 1 su 10. Un esempio è lo shock cardiogeno, che si verifica quando il cuore non riesce a pompare abbastanza sangue nel corpo.

Leggi anche:

Back to top button