Coronavirus: uomo arrestato per essersi leccato le mani in metropolitana

Emergenza coronavirus: in Belgio un uomo è stato arrestato dopo essersi leccato le dita della mano in metropolitana. Un gesto irresponsabile che potrebbe contagiare tantissime altre persone.

La scena è stata ripresa da un altro passeggero, che successivamente, sconvolto, ha pubblicato sui social. Da lì è partita la caccia all’uomo.

Coronavirus: arrestato uomo “untore” in metropolitana

L’uomo visibilmente ubriaco, ha rischiato, in caso di positività, di contagiare migliaia di persone che ogni giorno si affidano alla metropolitana per spostarsi.

Salito in metro con tanto di mascherina, all’improvviso e inspiegabilmente, si è leccato le dita della mano e dopo se le è asciugate sul corrimano del mezzo pubblico.

Ripreso con il cellulare da un altro passeggero è stato rintracciato dalle autorità e arrestato. Nel frattempo le autorità hanno provveduto a ritirare il mezzo dal servizio per essere pulito e disinfettato a dovere.

Lo ha annunciato l’autorità belga dei trasporti pubblici, la Societe des Transports Intercommunaux de Bruxelles (STIB-MBIV).

Che ci ha tenuto a diffondere un messaggio di ringraziamento e di rassicurazione: “Grazie per il vostro messaggio. Le nostre metro vengono pulite accuratamente ogni giorno”.

La notizia è stata riportata da The Indipendent e in poco tempo ha fatto il giro del mondo e del web. Il gesto dell’uomo è stato irresponsabile e incivile.

Se fosse stato infetto avrebbe potuto contagiare migliaia di persone. Ormai è quasi certo che il coronavirus possa trasmettersi attraverso i liquidi corporei.

In particolare tramite starnuti e colpi di tosse. Inoltre, secondo l’OMS il virus rimane attivo sulle superfici fino a diverse ore.

Sale il numero dei contagi in Europa

In Belgio attualmente si contano più di 300 casi di persone contagiate dal coronavirus. Anche nel resto d’Europa i numeri iniziano a salire.

Secondo la BBC nel Regno Unito si contano almeno 382 casi con 6 decessi.Pericolosa crescita anche in Francia, dove sono stati dichiarati in totale più di 2000 casi e di 48 morti. Nelle ultime 24 ore ci sono stati circa 500 tamponi positivi in più.

Numeri più bassi, almeno al momento in Germania, dove si registrano 3 morti e 1500 casi. L’Italia, resta al momento il primo Paese europeo con più casi.  Sono 10590 gli italiani positivi al coronavirus, mentre si parla di oltre 100 guariti e di 827 deceduti.

La situazione nel nostro Paese è gravissima, al punto che il presidente del Consiglio Conte ha provveduto ad emanare un nuovo decreto. Con cui si dispone la chiusura della maggior parte delle attività commerciali.

Leggi anche:

Condividi: