6 metodi infallibili per sbiancare le fughe in modo naturale e farle splendere come nuove

Tra le pulizie di casa più faticose si deve segnalare l’olio di gomito richiesto per pulire e sbiancare le fughe, in quanto si tratta di punti critici della casa dove tende ad annidarsi non solo lo sporco ma anche i germi.

In genere, le fughe ricoprono le pavimentazioni di diversi ambienti domestici ed identificano nello specifico le cavità che si trovano tra una mattonella e l’altra per questo in tale sede tendono ad accumularsi strati di sporco difficili da rimuovere.

La pulizia delle fughe dei pavimenti è spesso un cruccio per le casalinghe che fanno attenzione soprattutto all’igiene di casa.

Questi punti critici andrebbero puliti con una certa regolarità, perché non solo tendono ad annerirsi facilmente, ma anche perché qui si raccolgono batteri e germi.

Ci sono dei metodi e dei prodotti green per pulire e sbiancare le fughe che si possono sostituire in modo vantaggioso ai detergenti chimici, che prevedono di solito nella loro formulazione la presenza di candeggina.

Metodi naturali per pulire e sbiancare le fughe

Metodi naturali per pulire e sbiancare le fughe

Per un pavimento a piastrelle perfettamente pulito è richiesta una regolare manutenzione, non solo per sbarazzarsi della sporcizia ma anche per evitare lo sviluppo di muffa e batteri.

Per pulire e sbiancare le fughe e soprattutto per igienizzarle non è necessario fare affidamento per forza a detergenti e prodotti chimici, si possono anche utilizzare dei rimedi casalinghi naturali dai risultati soddisfacenti.

Ecco 6 metodi efficaci e green per pulire e sbiancare gli spazi tra una mattonella e l’altra.

Aceto bianco

Come vecchio e caro rimedio della nonna, si consiglia l’aceto bianco, ideale per rimuovere lo sporco. Si deve solo diluire l’aceto bianco in acqua tiepida e versare il tutto dentro un contenitore dotato di spray per poi spruzzare la soluzione sullo sporco e lasciare agire per 10 minuti.

In alternativa, si può utilizzare una spugna imbevuta in aceto per pulire più a fondo le fughe, in presenza di una sporcizia più massiccia. In caso di sporco ostinato poi si può anche applicare del bicarbonato e pulire con uno spazzolino.

Bicarbonato di sodio

Questo rimedio naturale è ampiamente usato per disinfettare la maggior parte delle superfici domestiche. Se si vogliono pulire e sbiancare le fughe si deve solo mischiarlo con dell’acqua tiepida in modo da ottenere una pasta densa e schiumosa.

Si deve poi usare un vecchio spazzolino con il quale strofinare sulle zone sporche, lasciando agire per circa 30 minuti. Dopo questo lasso di tempo, si possono eliminare i residui con un panno asciutto: un modo davvero utile per pulire e sbiancare le fughe.

Acido citrico

Per pulire le fughe sporche si può usare questo prodotto in grado di rimuovere muffa e batteri.

Per un’azione disinfettante e schiarente si consiglia di abbinarlo a bicarbonato di sodio ed acqua. Si ottiene in questo modo un detergente dalla potente azione sgrassante e dalla formulazione naturale.

Sapone di Castiglia liquido

Come detergente delicato questo sapone naturale, privo di sostanze chimiche, si può impiegare anche per le pulizie domestiche.

In particolare, il sapone di Castiglia liquido diluito con acqua tiepida e bicarbonato di sodio crea una valida soluzione disinfettante per gli ambienti domestici. Per questo si raccomanda come metodo green per pulire le fughe annerite.

Acqua ossigenata

In caso di muffa, creatasi nello spazio tra le mattonelle, si consiglia di utilizzare l’acqua ossigenata, che è efficace anche contro la sporcizia.

Si suggerisce di preparare una soluzione composta da 1 parte di acqua ossigenata e 1 di acqua, da diluire dentro una bottiglietta con spruzzino. Basta poi spruzzare sulle aree più incrostate, lasciando in posa per circa 20-30 minuti prima di procedere con il risciacquo con una spugna pulita.

Borace

Il borace è un prodotto versatile che offre in pratica gli stessi effetti igienizzanti e disinfettanti del bicarbonato di sodio. Ma questo minerale si deve manipolare con grande attenzione, visto che si ottiene dalla reazione chimica tra acido borico e soda.

Il borace in genere si impiega in ambito domestico per il bucato e per allontanare gli insetti, ma è anche un ingrediente alla base di vari detergenti per le pulizie domestiche.

Quindi si può impiegare per pulire e sbiancare le fughe facendo attenzione al contatto con gli occhi in quanto potrebbe causare irritazione.

Infine si consiglia un settimo metodo che si può usare come ulteriore consiglio efficace per pulire e sbiancare le fughe se si ha un vaporetto.

Sfruttando il vapore acqueo si possono rimuovere incrostazioni, sporco, residui di polvere, muffa e umidità. Un metodo che non richiede di usare alcun tipo di agente chimico e che non ha bisogno di un grande sforzo fisico.

Condividi: