La telepatia nei sogni, studi autorevoli dimostrano che gli uomini possono comunicare tra loro mentre sognano

Le sperimentazioni sulla telepatia nei sogni rivelano che si verifica una sorta di comunicazione umana durante il sonno

Dei recenti studi si sono concentrati su un argomento non semplice: la telepatia nei sogni. Così è stata formulata la tesi secondo la quale si verifica una sorta di comunicazione umana durante il sonno.

Con il concetto di telepatia nei sogni si fa riferimento alla capacità di comunicare consapevolmente oppure inconsciamente con gli altri esseri umani mentre si sta sognando.

Comunque si tratta di un concetto non nuovo che nel passato ha interessato dei grandi nomi del mondo scientifico.

Si può citare su tutti un nome autorevole, quello di Sigmund Freud che ha cercato di capire le implicazioni della telepatia nei sogni e sui pensieri psicoanalitici.

Più volte Freud ha fatto appello all’influenza delle idee telepatiche nel processo di pensiero umano.

Un altro suo collega si è concentrato su tale argomento: Carl Jung, che credeva nella telepatia nei sogni. Jung a sua volta ha tentato di dare una spiegazione a tali attività paranormali.

Tra gli altri esempi eccellenti che si sono adoperati per dimostrare la telepatia nei sogni si deve segnalare anche Montague Ullman.

Lo psichiatra a metà degli anni ’60 avviò una serie di esperimenti per appurare la tesi secondo la quale gli esseri umani possono essere indotti a sognare in modo selettivo su alcune idee casuali.

Nel corso dei suoi esperimenti Ullman ha verificato se le persone possono scegliere di sognare le cose che vogliono pensandole prima di andare a letto.

Telepatia nei sogni gli esperimenti di Ullman

Telepatia nei sogni: gli esperimenti di Ullman

Il grande interesse suscitato da questo genere di indagini ha portato Ullman a collaborare con Stanley Krippner, un esperto nel campo della parapsicologia e dei sogni.

Durante i test si sono selezionati un mittente ed un ricevente che si sono incontrati poco prima di addormentarsi. In seguito i due si sono ritrovati a dormire in stanze separate.

Al mittente si è consegnata una busta nella quale si riferiva cosa pensare durante il sonno.

Il destinatario è stato poi intenzionalmente svegliato per riportare il contenuto dei sogni.

Questa serie di esperimenti sono continuati per più di 10 anni. Nel corso di una sessione speciale al destinatario si è mostrata la stampa del quadro “La lezione di danza” di Edgar Degas.

Quando al ricevente si è chiesto di riferire sui sogni fatti ha riportato dei particolari del quadro. Infatti ha accennato ad una scuola dove c’erano circa 10 persone, ha parlato poi diuna bambina che cercava di ballare con lui.

Altre sessioni hanno dimostrato che esiste un certo livello di telepatia nei sogni anche tra gli sconosciuti.

Ma ancora oggi non è possibile spiegare come funziona la telepatia nei sogni. La scienza non è in grado di capire come due menti possano entrare in contatto in sogno.

Si accenna comunque alla possibile influenza delle interconnessioni quantistiche come spiegazione della telepatia. Ma per delle conferme si attendono altri studi sull’argomento che potranno spiegare come funziona la telepatia nei sogni.

Back to top button