I sintomi di una carenza di serotonina che tutti dovrebbero conoscere

La serotonina è un ormone e uno dei neurotrasmettitori più importanti, che ha il fondamentale compito di trasmettere i messaggi da un lato all’altro del cervello. Per evitare problemi anche sei, è importante conoscere una serie di sintomi che indicano una carenza di serotonina.

Infatti se è prodotta in quantità sufficiente alcuni meccanismi importanti per il benessere generale, funzionano correttamente. In caso contrario si può andare incontro a disturbi anche gravi.

I sintomi di una carenza di serotonina

Nel paragrafo precedente, parlavamo di alcuni meccanismi importanti di cui si occupa la serotonina.

Questo ormone si occupa di:

  • sonno
  • libido
  • umore
  • fame

Mentre i disturbi causati da una carenza di serotonina sono:

  • depressione
  • difficoltà di apprendimento
  • stanchezza
  • panico
  • ansia
  • rabbia

Vediamo tutti i dettagli

ANSIA

Bassi livelli di serotonina provocano disturbi di ansia, ossessivo-compulsivi e di panico.

Ansia

Si tratta di alcune condizioni che si verificano in soggetti che per eredità genetica o a causa di particolari malattie presentano livelli di serotonina non adeguati.

INSONNIA

La serotonina è strettamente collegata alla melatonina e di conseguenza al meccanismo che regola tutto il ciclo sonno-veglia.

Una carenza di serotonina provoca quindi insonnia e difficoltà a prendere sonno.

PROBLEMI COGNITIVI

Questo ormone è fondamentale per lo sviluppo del pensiero logico e razionale e soprattutto, svolge un ruolo importante nella fissazione dei ricordi.

DIGESTIONE

Recentemente si è scoperto che la maggior parte della serotonina è prodotta non dal cervello ma dall’intestino.

In entrambi gli organi svolge un ruolo molto importante: si è infatti scoperto che la sindrome del colon irritabile è strettamente correlata ai livelli della serotonina.

I meccanismi di questo collegamento, attualmente sono però poco chiari.

STANCHEZZA

Stanchezza

Bassi livelli di serotonina oltre a stanchezza e a dolori cronici porta anche ad una frequente sensazione di spossatezza continua.

Ristabilire i giusti ed adeguati livelli, potrebbe cambiare notevolmente la situazione.

VOGLIA DI DOLCI E CARBOIDRATI

Una fame smodata di carboidrati e di dolci, potrebbe indicare bassi livelli di serotonina.

Mangiare questi alimenti in gran quantità è sconsigliato, perché è vero che aumenta i livelli dell’ormone, ma poco dopo l’assunzione la serotonina torna ai livelli precedenti.

I rimedi

In caso di sospetto, è ovviamente sempre il caso di sentire il parere di un medico che saprà indirizzarvi verso una giusta terapia.

E’ importante sapere che per aumentarne i livelli senza ricorrere alla medicina è consigliabile aumentare l’esercizio fisico, la vita all’aria aperta e assumere una dieta alimentare sana ed equilibrata.

Eliminare o almeno ridurre la caffeina, i grassi saturi e lo zucchero semplice, a beneficio di frutta, verdura e integratori a base di vitamine.

Leggi anche:

Back to top button