Obbligo di indossare la mascherina: tutte le regole da rispettare per non rischiare di farsi multare fino a 1.000 euro

In piena pandemia, l’uso dei dispositivi di protezione individuale si è confermata una norma aurea, per questo è stato introdotto l’obbligo di indossare la mascherina sia all’aperto che al chiuso. Questa la linea generale da rispettare, ma sono previste alcune eccezioni indicate dal decreto del governo che ha seguito le indicazioni proposte dal Comitato tecnico scientifico.

Anche nel contesto della campagna vaccinale che ha portato ad un numero sempre più crescente di soggetti vaccinati contro il Covid è necessario continuare a rispettare le norme basilari, per evitare il contagio. Di fatto l’obbligo di indossare la mascherina resta in vigore, per questo è bene tenere a mente tutte le regole per evitare di essere sanzionati con multe comprese tra i 400 euro ed i 1.000 euro.

Per cui resta valida la raccomandazione di portare la mascherina dietro quando si esce di casa, quando non è necessario indossarla, perché non ci si trova al cospetto di altri, è comunque bene tenerla a portata di mano rispettando le regole di igiene.

Quando si passeggia in mezzo ad una folla, come nel caso del centro abitato, si conferma obbligatorio indossarla perché ci si trova a cospetto di soggetti non conviventi. Nel decreto che affronta il tema dell’obbligo di indossare la mascherina si segnala che il dispositivo è necessario in “tutti i luoghi all’aperto, allorché si sia in prossimità di altre persone non conviventi”. Invece se si cammina in una zona isolata non vige alcun obbligo, ma si deve essere pronti ad indossarla se si incrociano altre persone.

Leggi anche: Covid, 22enne muore dopo aver atteso il ricovero per ore: la foto della giovane sdraiata a terra che aspetta un letto diventa virale

obbligo di indossare la mascherina decreto

Obbligo di indossare la mascherina: cosa dice la normativa

In pratica, la normativa impone l’obbligo di indossare la mascherina in tutti i luoghi all’aperto ad eccezione dei casi in cui per “le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi”. Si precisa poi che chi pratica un’attività sportiva non deve usarla, sia all’aperto che al chiuso, a meno che non si riesca a mantenere la distanza di 2 metri dagli altri.

È bene poi ricordare che vige l’obbligo di indossare la mascherina sui mezzi pubblici: alla fermata e quando si sale a bordo. In via generale invece in macchina da soli non è necessario indossarla, così come si può evitare se si viaggia in presenza di congiunti, mentre se si trasportano persone anche familiari ma non conviventi si deve indossare.

Anche sul posto di lavoro è obbligatorio indossare il dispositivo di protezione se si lavora in un luogo chiuso, ed a contatto con altre persone.

Si conferma ancora oggi obbligatorio indossare le mascherine quando ci si reca nei negozi, al ristorante, al bar, nei pub e nelle birrerie. Nello specifico al ristorante va tenuta quando non si sta seduti al tavolo, e nei bar si deve indossare prima e dopo la consumazione, facendo anche attenzione a mantenere la distanza di un metro. In pratica, all’interno dei locali si deve indossare la mascherina sempre, ma la si può abbassare quando si mangia e si beve, anche all’esterno dei locali si applicano le stesse regole.

Leggi anche: “Mamma ho mal di testa”: Francesco muore a soli 10 anni dopo il ricovero in ospedale, ignote le cause del decesso

I minori devono indossare la mascherina? In via generale è obbligatoria dai 6 anni di età in su. Invece sono esentati dall’obbligo di indossare la mascherina i soggetti che soffrono di patologie o di disabilità incompatibili con la copertura di naso e bocca, inoltre sono esentati i soggetti che per agire con loro presentano la stessa incompatibilità.

Infine si ricorda che gli esperti raccomandano di utilizzare la mascherina anche in casa nel caso in cui tra i conviventi figurano persone anziane o colpite da patologie che le rendono dei soggetti fragili.

Condividi: