Muore al nono mese di gravidanza con il suo bambino dopo un malore improvviso al corso preparto. La donna aveva solo 38 anni

Marina Lorenzon muore al nono mese di gravidanza con il suo bambino, dopo aver avvertito durante la lezione del corso prenatale un’insopportabile dolore al ventre.

A circa dieci giorni dalla data prevista per il parto, la 38enne è morta con il bimbo che portava in grembo.

Dopo l’improvvisa fitta avvertita dalla donna è intervenuto d’urgenza l’elisoccorso del Suem per prestare i primi soccorsi sulla donna incinta, ma le sue condizioni si sono rapidamente aggravate.

I medici hanno poi appurato che le cause del decesso di Marina e del suo piccolo, che si sarebbe chiamato Kaylen, sono da ascrivere ad un’emorragia dovuta ad una rottura di un aneurisma addominale.

La donna muore al nono mese di gravidanza a pochi giorni dal parto lasciando nel totale sconforto il suo compagno Gerardo De Armas.

Marina Lorenzon era dottoressa in scienze zootecniche ed era ritornata da Londra, dove viveva con il compagno.

Prima del parto, a causa della pandemia, aveva deciso di rientrare in Italia per affrontare il lieto evento con la sua famiglia a San Biagio di Callalta, nel Trevigiano.

Muore al nono mese di gravidanza
Marina Lorenzon

Muore al nono mese di gravidanza con il suo bambino

Marina si era trasferita a Londra per lavoro circa due anni fa ed aveva incontrato il suo compagno, un percussionista cubano, proprio nel suo paese.

La coppia aspettava il loro primo figlio, atteso con grande entusiasmo dopo aver preso la decisione di diventare genitori. Un sogno spezzatosi quando ormai la data del parto si avvicinava: Marina infatti muore al nono mese di gravidanza insieme al suo bambino in modo inspiegabile.

Sono stati inutili i soccorsi all’ospedale Ca’ Foncello, i medici viste le gravi condizioni della donna hanno cercato di salvare il piccolo con un cesareo d’urgenza. Ma sfortunatamente il cuore del piccolo Kaylen non batteva più.

Una doppia tragedia che ha sconvolto non solo il compagno di Marina, ma anche i suoi genitori e la sorella maggiore Elena, madre di due bambini.

Prima di quel terribile giorno, la gravidanza della donna è proseguita senza alcuna complicazione, ora si attende l’autopsia che dovrà dare una risposta sul perché Marina muore al nono mese di gravidanza con il piccolo Kaylen.

Condividi: