Milia, i rimedi naturali per eliminare le palline bianche di grasso sotto gli occhi

Le milia si formano soprattutto nell'area sotto gli occhi ma anche sul naso e sulle guance, ma si possono trattare in modo green e casalingo

Le milia sono delle palline bianche che si formano principalmente nell’area sotto gli occhi. Si tratta di palline di grasso che restano intrappolate negli strati della pelle insieme con le cellule morte.

Di fatto quando le cellule epiteliali morte rimangono intrappolate sotto la superficie della pelle formano delle piccole cisti. Queste si manifestano soprattutto su naso e guance con formazione quasi a gruppi.

Talvolta le milia possono comparire anche attorno alla bocca o sulle palpebre. Tali palline bianche possono comparire a tutte le età.

In particolare, colpiscono la pelle dei neonati si parla di “acne infantile” per identificare le piccole cisti che compaiono intorno agli occhi e sulle guance. Negli adolescenti e negli adulti, le milia sono spesso dovute ad una mancata esfoliazione della pelle.

In alcuni casi tali inestetismi cutanei sono causati dall’uso di creme a base di steroidi. Ma anche la prolungata esposizione ai raggi del sole senza protezione ne causa la comparsa.

Negli adulti si parla spesso di milia secondaria perché causata da bruciature o da ustioni. Ma si identificano diversi tipi di milia che si classificano in base all’età di comparsa ed ai segni.

I diversi tipi di milia

I diversi tipi di milia

Oltre al tipo neonatale si classificano le milia giovanile dovute a disordini ormonali. Si identifica poi una forma primaria in adulti e bambini dovuta alla cheratina che resta intrappolata sotto la pelle.

I segni compaiono sulle palpebre, sulla fronte, nell’area genitale. Di solito scompare in modo spontaneo nel giro di qualche settimana.

Invece il tipo in placche si caratterizza per delle cisti più grandi causate da disordini genetici o problemi autoimmuni. I soggetti più colpiti da questa forma sono le donne di mezza età ma anche i ragazzi. Le aree maggiormente colpite da cisti sono: le palpebre, le guance, la mascella.

Mentre la forma multipla eruttiva si evidenzia con cisti che danno prurito. Le zone più colpite sono: il viso, le braccia, il dorso. Le cisti scompaiono dopo poche settimane o pochi mesi.

La forma traumatica si deve a delle piccole ferite della pelle, provocate da bruciature o da eruzioni cutanee. In tal caso le cisti appaiono irritate ed arrossate ai bordi ma bianche al centro.

Anche l’uso di farmaci può causare queste palline di grasso, come nel caso delle creme a base di steroidi ed altre pomate. Si tratta comunque di effetti collaterali rari.

Alcuni rimedi naturali per eliminare le palline bianche

Le milia neonatali si risolvono spontaneamente in poche settimane. Invece le cisti che interessano gli adolescenti e gli adulti possono durare di più.

Quindi per problemi estetici si può avvertire il bisogno di liberarsi da queste piccole cisti. Infatti ci sono alcuni rimedi naturali che aiutano ad eliminare questo inestetismo della pelle.

Per eliminare le milia dalla pelle del viso si consiglia l’olio di ricino. Si suggerisce di mixare insieme un cucchiaio di olio di ricino con uno di olio d’oliva per renderlo più delicato.

  • Si deve solo applicare la soluzione a base di olio sul viso e lasciar agire per 10-15 minuti e poi si lava il volto. Questo rituale skincare si suggerisce ogni giorno, per almeno una settimana.

Un altro trattamento naturale efficace è lo scrub a base di miele e zucchero. Basta mescolare un cucchiaio di zucchero con uno di miele, diluendo poi con il succo di 2 limoni.

  • Lo scrub si deve stendere sul viso con un batuffolo di cotone. Si lascia agire per 20 minuti e si lava il viso accuratamente. Si consiglia di sottoporsi allo scrub delicato fino a quando le milia non saranno sparite.

Anche la maschera a base di farina di mais ed aceto di mele è utile per eliminare le milia.

  • Si devono amalgamare bene gli ingredienti per ottenere un composto omogeneo. Poi si può stendere nelle zone colpite da cisti e lasciare in posa per 30 minuti. Si deve risciacquare con abbondante acqua tiepida. Il rimedio si può ripetere un paio di volte a settimana.

Leggi anche:

Back to top button
Close
Close