Mamma rinuncia alla chemioterapia per suo figlio. La storia di Jennifer

Una storia di amore e sacrificio, ma anche di una nuova vita che nasce

Mamma rinuncia alla chemioterapia e alla possibilità di salvarsi, per permettere al figlio che porta in grembo di nascere. Il sacrificio di Jennifer si chiama Chad Michael e adesso ha quasi 9 anni, che ha vissuto senza la sua mamma.

Aveva 16 anni Jennifer Michelle Lake, quando la sua vita è stata sconvolta da una diagnosi medica che nessun’adolescente dovrebbe mai ricevere: cancro al cervello.

Mamma rinuncia alla chemioterapia e muore 6 giorni dopo aver partorito il suo bambino

Al momento della diagnosi il tumore misurava 2 cm, una misura completamente sbagliata, corretta solo in un secondo momento, alla luce di ulteriori esami.

Mamma rinuncia

Le condizioni di Jennifer erano peggiori di quelle prospettate all’inizio: il tumore era più grande, più aggressivo e si era già diffuso in altre parti del corpo.

Il parere dei medici è stato chiaro fin da subito: le possibilità che Jennifer sopravvivesse erano appese ad un lumicino e neanche la chemioterapia avrebbe potuto cambiare qualcosa.

I contro della terapia erano molti, il primo fra tutti la sterilità, una condizione che per una donna rappresenta sempre un altro dispiacere. Nella condizione di Jennifer un dramma nel dramma.

“Ci avevano detto che non poteva rimanere incinta, così non abbiamo preso precauzioni e non ci siamo preoccupati dell’eventualità di una gravidanza”, ha dichiarato Nathan, il fidanzato di Jennifer.

L’arrivo di Chad Michael

E invece, miracolosamente, Jennifer dopo qualche tempo ha scoperto di aspettare un bambino, il cui arrivo ha purtroppo complicato la condizione clinica della ragazza.

Che subito dopo aver scoperto di essere rimasta incinta ha dovuto prendere la decisione più difficile della sua vita: portare a termine la gravidanza oppure continuare con la chemioterapia.

L'arrivo di Chad Michael

E così, qualche mese dopo, è nato Chad Michael. Subito dopo la sua nascita, Jennifer, stremata ma felice, ha detto ad un’ostetrica: “Ho finito, ho fatto quello che dovevo fare. Il mio bambino sarà qui al sicuro”.

Purtroppo, appena sei giorni dopo la nascita del bambino, Jennifer se n’è andata per sempre, con il suo bambino tra le braccia.

Da quel giorno, sono passati quasi 9 anni. La sua famiglia, tiene vivo il ricordo di Jennifer in Chad e anche nei cuori di chi la conosceva e le voleva bene.

Chad Michael

In suo onore è stata creata una pagina Facebook, che viene continuamente aggiornata con post e foto del bambino di Jennifer, ormai diventato un piccolo ometto.

Leggi anche:

Loading...
Back to top button
Close
Close