L’insegnante taglia i capelli ad una bambina senza il permesso dei genitori: il padre vuole ritirare la figlia dalla scuola

Una brutta pagina di bullismo e razzismo arriva dal Michigan dove un insegnante taglia i capelli ad una bambina birazziale di 7 anni. Un episodio che ha scatenato la rabbia del padre della piccola, che ha detto che vuole ritirare la figlia dalla scuola pubblica. Tutto è avvenuto quando un compagno di classe e poi un insegnante hanno tagliato i capelli a sua figlia.

Lo scorso 24 marzo, Jurnee Hoffmeyer è arrivata a casa a Mount Pleasant dalla Ganiard Elementary School con i capelli rasati da un lato. Suo padre, Jimmy, ha raccontato che sua figlia gli ha detto che un compagno di classe ha usato le forbici per tagliarle i capelli sullo scuolabus. Jimmy si è lamentato con il responsabile e poi ha portato Jurnee in un salone. Qui un parrucchiere le ha tagliato i capelli dall’altra parte della testa per rendere meno evidenti le diverse lunghezze. Ma a distanza di due giorni la piccola è tornata a casa con i capelli tagliati di nuovo di lato.

“Piangeva, spaventata. Le ho chiesto cosa fosse successo e le ho ricordato che le avevo detto che nessun altro bambino avrebbe dovuto tagliarle i capelli. Poi, mi ha spiegato che quella volta era stata l’insegnante” – ha raccontato il padre.

Insegnante taglia capelli ad una bambina

Insegnante taglia i capelli ad una bambina di 7 anni

Jimmy si è rivolto al National Parents Union, una rete di organizzazioni di genitori e attivisti che aiutano a migliorare la qualità della vita dei bambini.

“Jurnee ha chiarito che non voleva sembrare un ragazzo”, ha spiegato Bernita Bradley, una delegata del Midwest della NPU. La Bradley ha descritto questi espisodi come “scalping moderno” sostenendo che c’era una motivazione razziale: “È esattamente questo. Quando da un popolo non piaceva qualcosa che cresce naturalmente nel corpo di alcune persone, per condannarle all’ostracismo, si toglievano il cuoio capelluto “.

Jimmy, che ha altre due figlie di 8 e 4 anni, ha detto che le spiegazioni ricevute dal preside e dal distretto non erano sufficienti, e che sta valutando di iscrivere Jurnee ad una scuola privata. Dopo quell’episodio il padre ha raccontato che Jurnee è più nervosa, non sorride e non è più in grado di dormire da sola. “Si sente come un’intrusa, tutto il suo comportamento è diverso” – ha precisato Bernita.

Insegnante taglia i capelli ad una bambina

Il sovrintendente distrettuale Jennifer Verleger ha dichiarato su quanto accaduto: “Indipendentemente dalle buone intenzioni dell’insegnante, le sue azioni erano inaccettabili e mostrano una mancanza di giudizio. La situazione è allo studio per nuove azioni disciplinari in accordo con le politiche e le procedure della scuola”.

L’Unione Nazionale dei Genitori sta lavorando per aumentare la consapevolezza sostenendo un progetto che proibisce la discriminazione dei capelli in base alla razza. Stati come New York, New Jersey, Connecticut, California, Washington, Virginia, Colorado e Maryland hanno adottato la Legge della Corona.

“È qualcosa che deve entrare in vigore per proteggere gli studenti. Chi avrebbe mai pensato che, nel 2021, questo potesse ancora accadere? Quando toccano i nostri bambini, toccano anche noi” – ha commentato Bernita.

Condividi: