Gli scienziati sono riusciti ad invertire l’Alzheimer. Più vicini ad una cura?

Il test è stato effettuato sui topi

Per la prima volta in assoluto, un gruppo di scienziati ha rivelato di essere riusciti a invertire l’Alzheimer in alcuni test condotti sui roditori. Lo studio è stato pubblicato su Science Translational Medicine.

Secondo lo studio, andando a colpire l’infiammazione del cervello, è possibile invertire questa spaventosa malattia. Ma vediamo tutti i dettagli.

Un team di studiosi è riuscito ad invertire l’Alzheimer sui topi: si tratta di un traguardo importantissimo

Lo scienziato Barry Hart ha sintetizzato una molecola, chiamata IPW, in grado di bloccare i recettori che provocano la malattia. Oltre ad alleviarne i sintomi, il farmaco riesce a riparare l’area danneggiata.

“Quando abbiamo eliminato la” nebbia “dell’infiammazione, nel giro di pochi giorni il cervello senile è stato ringiovanito. È una scoperta che ci rende molto ottimisti perché mostra la plasticità del cervello e la sua capacità di recupero ”, ha spiegato la dott.ssa Daniela Kaufer, dell’Università della California.

L’IPW blocca un gene noto come TGF-β, che alimenta l’infiammazione rilasciando albumina proteica nel sangue.

“Ora abbiamo due biomarcatori che ti dicono esattamente dove sta perdendo la barriera emato-encefalica, in modo che tu possa selezionare i pazienti per il trattamento e prendere decisioni su quanto a lungo somministrare il farmaco. Possiamo seguirli e quando la barriera emato-encefalica sarà guarita, non avranno più bisogno del farmaco ”, ha continuato la dott. Kaufer.

Dopo che il team ha somministrato il farmaco in questione ai topi a dosi che hanno ridotto l’attività del gene, il cervello degli animali è diventato più giovane, con meno infiammazione e suscettibilità alle convulsioni e le loro onde cerebrali sono migliorate.

Alla fine del trattamento, i topi sono stati in grado di superare un labirinto e imparare altri compiti allo stesso modo di un topo più giovane.

In un’analisi del tessuto cerebrale umano, il Dr. Kaufer ha trovato prove di albumina nel cervello invecchiato e un aumento della neuroinfiammazione e della produzione di TGF-β.

Alzheimer

Altri studi

A sua volta, il professor Friedman, dell‘Università Ben-Gurion di Negev in Israele, ha sviluppato una tecnica di scansione chiamata Dynamic Constrast Enhanced (DCE).

Un tipo di speciali immagini a risonanza magnetica che hanno rilevato più perdite nella barriera emato-encefalica delle persone a cui era stato diagnosticato un maggiore declino cognitivo.

Tutto ciò indica la disfunzione nel sistema di filtrazione del sangue del cervello come uno dei primi fattori che causano l’invecchiamento neurologico.

Il team della Dr. Kaufer ha avviato una società per sviluppare un farmaco ufficiale che cura la barriera emato-encefalica per il trattamento clinico e per aiutare gli anziani con demenza e Alzheimer.

Leggi anche:

Back to top button