Coronavirus: che fine hanno fatto gli informatori cinesi?

Luci e ombre su una vicenda che lascia ancora molti dubbi

Volevano avvertire l’opinione pubblica di una minaccia. Quella della più grande pandemia del nostro tempo: il coronavirus, e invece sono spariti, stiamo parlando degli informatori cinesi.

Ad oggi due di questi informatori cinesi sono scomparsi, mentre gli altri non parlano più. Questi cittadini hanno avuto il coraggio di affrontare la censura che regna nella Cina e ora ci hanno lasciati con una sola domanda: “Dove sono?”

Dove sono gli informatori cinesi che ci avevano avvertiti del coronavirus?

Ancora senza notizie, i giornalisti  e i cittadini cinesi si preoccupano della scomparsa di Chen Qiushi e Fang Bin due degli informatori cinesi che avevano messo in guardia il mondo intero.

Tanto che ci si chiede se siano ancora vivi. La loro colpa: aver rivelato la crisi sanitaria che si è trasformata in una vera pandemia.

Interrogato da alcuni giornalisti, Pierre Haski, presidente di Reporter senza frontiere (RSF) è laconico. “L’unica certezza che abbiamo è che sono nelle mani delle autorità cinesi”.

Quest’ultimo chiede una reazione su questo argomento, poiché certe scomparse che non sono rare nel mondo dei giornalisti. Soprattjutto quando scuotono l’ordine stabilito.

Il primo fra gli informatori cinesi a sparire è stato Chen Qiushi. Conosciuto per le riprese dell’enorme ospedale della provincia che vide la nascita del coronavirus, l’uomo era in una situazione rischiosa.

“Sono molto spaventato. Ho il virus davanti a me e il potere cinese dietro di me ”, disse l’avvocato per i diritti umani. Pochi giorni dopo, il suo account Weibo stato eliminato.

Censura delle immagini

L’affare Chen non è purtroppo un caso isolato poiché quello di Fang Bien gli assomiglia sotto tutti gli aspetti. Il gestore del negozio ha pubblicato un video a febbraio che da allora è diventato virale con un milione di visualizzazioni.

Il contenuto? Otto cadaveri di pazienti sono stati scoperti in un ospedale nella provincia mortalmente nota. Le autorità hanno confiscato il suo laptop dopo un lungo interrogatorio. L’uomo spiega che una donna viene a portargli da mangiare e che “loro” vogliono metterlo in quarantena .

Anche un medico, Ai Fen, direttore dell’ospedale di Wuhan ma anche attivista, non è più disponibile da fine marzo. Ridotta al silenzio, aveva criticato la censura relativa all’argomento del COVID 19.

Fortunatamente, una giornalista francese ha riferito di averle parlato e ha specificato che è ancora in servizio, foto a sostegno di Twitter.

Secondo Pierre Haski, il caso dei medici cinesi è particolarmente favorevole a causa della loro professione.  È molto più difficile per le autorità cinesi mandare un medico in prigione.

Molte ipotesi

Per il momento, Pierre Haski deve affrontare diversi scenari. “O le autorità li tengono fino a quando il tema della crisi sanitaria non diventa meno caldo. In questo caso, si potrebbe immaginare che saranno rilasciati entro poche settimane, ma questo rimane improbabile.

L’altro scenario più comune si riferisce ai “processi tenuti a porte chiuse”. Ren Zhiqian, un uomo d’affari vicino al vicepresidente, è scomparso il mese scorso dopo aver criticato la mancanza di chiarezza del governo sulla gestione di questa emergenza sanitaria.

Leggi anche:

Back to top button