Infermiera positiva al Covi19 nonostante 3 test negativi

La storia è stata interamente riportata dal Mirror

Un’infermiera gallese è risultata positiva al Covid19 nonostante 3 test abbiano dato esito negativo. E l’ufficialità è arrivata solo dopo una speciale Tac.

La vicenda è stata riportata dal Mirror e noi ve la raccontiamo.

infermiera gallese

Infermiera positiva al Covid19: 3 test erano negativi

Fondamentale per la diagnosi di Nicole Williams è stato l’utilizzo di questo speciale scanner, affidabile al 90%. Il professor Mathieu Lederlin, dell’ospedale di Rennes, ha dichiarato che:

“Il vantaggio dello scanner è di fornire risposte in pochi minuti e che solo il 10% dei casi sono dei falsi positivi. Inoltre, a differenza di una radiografia convenzionale che offre una sola immagine frontale, lo scanner è una tecnica che consente di tagliare a fette, quasi 400, i polmoni del paziente.

Otteniamo immagini molto più precise e molto più informative. Permette di vedere chiaramente le infiammazioni e gli edemi polmonari legati all’aggressione virale di  Covid-19 “.

Tuttavia, in un momento in cui diverse persone richiedono questo esame per scoprire se sono infetti, il professore insiste sul fatto che lo scanner deve essere utilizzato dai team medici solo a scopo diagnostico:

“Voglio ricordarlo. Lo scanner non è uno strumento di screening Covid-19, ma uno strumento diagnostico utilizzato per le persone con coronavirus che sono ricoverate in ospedale”.

La testimonianza di un’infermiera

In un post su Facebook, Nicole Williams  ha espresso preoccupazione per l’efficacia dei test di screening di Covid-19 perché i suoi risultati erano stati per tre volte negativi, prima che la malattia venisse scoperta dalla TAC.

È stato all’ospedale in cui l’hanno ricoverata che ha appreso di essere positiva. Da giorni aveva un forte mal di gola e la tosse.

Il suo calvario è durato diversi giorni e ci ha tenuto a dire:

“Gli ultimi 15 giorni sono stati davvero orribili. Se onestamente pensi che non avere problemi di salute di base, essere giovane, essere in forma, ti terrà al sicuro dal coronavirus, sappi che ti sbagli”.

I test a cui è stata sottoposta Nicole Williams sono stati effettuati nell’ambito del suo lavoro infermieristico che richiede un monitoraggio continuo. Li ha richiesti dopo essersi sentiti male e il dolore è diventato sempre più sentito:

“Non ho mai avuto dolori al petto, quindi per me non era normale. Mi sentivo così male che ho chiamato il mio medico curante “, ha detto.

Il suo medico le ha poi spiegato che i falsi negativi sono frequenti e che i sintomi potevano essere collegati a un’infezione da coronavirus.

Il ricovero

In un centro dedicato, le sono stati prescritti antibiotici nel caso in cui i suoi segni clinici fossero dovuti a un’infezione batterica.

Il ricovero

I suoi amici e la sua famiglia l’hanno spinta ad andare in ospedale dove i medici hanno deciso di ricoverarla a causa delle sue condizioni mediche e delle sue difficoltà respiratorie.

Altri due test hanno dato esito negativo, ma la TAC ha dimostrato che si trattava di una polmonite virale che aveva colpito entrambi i polmoni.

Back to top button