Elettra Lamborghini minaccia i vicini: “Mi sono rotta! Se volete fare la guerra, vi sparo”, il suo sfogo di rabbia sui social

Advertisement
Advertisement

Anche i ricchi piangono, incappando in banali liti condominiali come nel caso di Elettra Lamborghini che furiosa ha sbottato sui social per lamentarsi dei suoi vicini di casa. La ricca ereditiera ha condiviso con il suo nutrito seguito di fan le sue disavventure alle prese con dei vicini troppo vivaci e rumorosi.

Leggi anche: Tommaso Zorzi e Tommaso Stanzani paparazzati insieme, l’influencer respinge le accuse: “Non sto forzando nessuno…”

L’esplosiva opinionista dell’Isola dei Famosi si è sfogata via social parlando della sua difficile convivenza con dei vicini un po’ troppo rumorosi. “Al momento sono in questo appartamento, bellissimo quello che vuoi, ma c’è un problema: fanno delle feste dalla mattina alla sera”, ha spiegato la Lamborghini, che poi con un velo di ironia ha aggiunto: “Non hanno capito che ci sono anche altre persone e che non possono fare i ca**i loro altrimenti io vengo e ti sparo…”. 

Elettra Lamborghini ai ferri corti con vicini

Advertisement

Elettra Lamborghini furiosa con i suoi vicini di casa

Elettra Lamborghini tornata a casa la sera tardi, dopo la puntata del reality sui naufraghi si è ritrovata ad essere sommersa dal rumore assordante dei vicini, che sarebbero soliti tenere la musica molto alta, anche a notte tarda. Per questo motivo esasperata Elettra Lamborghini ha voluto lanciare un messaggio che è apparso quasi una sorta di minaccia.

Infatti l’ereditiera nel suo post ha fatto sentire la sua voce asserendo: “Faccio un appello al mio vicino o come si può chiamare, non avete capito che mio marito è un deejay ed io sono una cantante, se vogliamo fare a chi canta di più io accendo la mia cassa e se volete fare la guerra, vi sparo la musica e mi metto a cantare le canzoni e continuiamo così. Voglio andare a letto, sti festini anche basta”.

Leggi anche: Carmen Russo e Enzo Paolo Turchi nei guai: denunciati dai domestici con l’accusa di presunto sfruttamento e violenza privata

Advertisement
Condividi: