Coronavirus, un insegnante porta cibo ai suoi studenti percorrendo 8 km

Per questo suo gesto di enorme solidarietà potrebbe addirittura vincere un premio

In questi tempi difficili in cui il coronavirus ci ha costretti a rivedere tutte le nostre abitudini, fa bene al cuore leggere certe storie di solidarietà, come quella dell‘insegnante che ogni giorno percorre 8 km per portare i pasti gratis ai suoi studenti.

Zane Powles, un assistente insegnante che lavora presso la Primaria occidentale a Grimsby, in Inghilterra, trasporta quotidianamente diverse borse di cibo per nutrire 100 studenti bisognosi.

Coronavirus, l’insegnante porta il cibo a suoi studenti per evitare di farli uscire

L’insegnante trasporta enormi sacchi pieni di pasti al sacco che pesano più di 18 kg più i compiti a casa per almeno 78 studenti ogni giorno.

Ogni giorno, durante l’ora di pranzo si reca fuori dalle abitazioni dei suoi bambini per lasciare i pranzi al sacco.

Suona il campanello e aspetta sul marciapiede fin quando le famiglie degli studenti raccolgono il necessario. Complessivamente, percorre 8 km a piedi ogni giorno per svolgere la sua missione.

Zane Powles è un ex soldato che faceva parte delle Guardie dei Granatieri e sfrutta l’ora di pranzo per tenersi in allenamento portando il cibo ai bambini più bisognosi.

“Lo sto facendo in modo che i bambini e i loro genitori non debbano uscire per mangiare. Altrimenti, ci sarebbero tante altre persone per strada. In tal modo, mi assicuro che ricevano almeno un buon pasto al giorno e gratuitamente ”, ha spiegato l’uomo.

insegnante porta cibo ai suoi studenti

Tanta solidarietà anche da parte di altri colleghi

Tuttavia l’uomo non è l’unico che si sta impegnando così tanto per i suoi bambini. Oltre a lui, altri membri del personale scolastico, macinano km per distribuire cibo agli studenti che vivono più lontano.

“È un grande lavoro di squadra. Prepariamo e confezioniamo pasti ogni giorno e poi ci dividiamo per portarli ai bambini che vivono più lontani.

Anche il preside Kim Leach si alterna con un altro insegnante per fornire a 25 famiglie il loro pranzo, percorrendo ogni giorno 25 km in auto.

Il 40% dei bambini a scuola ha diritto a pasti gratuiti. E secondo l’insegnante, le consegne quotidiane del pranzo non solo sono state brillanti e umili, ma anche particolarmente apprezzate dai genitori,

“I genitori e i bambini vengono alla finestra o alla porta per salutare, alcuni genitori vogliono fare due chiacchiere. Penso di essere l’unico contatto con cui riescono a parlare qualche giorno “, ha detto.

Ha detto che il suo lavoro è incentrato sul benessere e l’educazione dei bambini e, offrendo cibo, lo sta facendo in un modo diverso.

Leggi anche:

Back to top button
Close
Close