“Sono attratta sia da uomini che da donne”, il coming out di una cantante a poche ore dalla finalissima di Sanremo 2021

Advertisement
Advertisement

Madame salita sul palco del Festival di Sanremo 2021 da outsider, in quanto sconosciuta al grande pubblico, ha fatto parlare di sé non solo per la sua performance sul palco ma anche per aver fatto coming out.

Francesca Calearo, in arte Madame con i suoi 19 anni si è presentata a Sanremo 2021 come l’artista più giovane della categoria Big.

In un’intervista rilasciata a La Repubblica la giovane cantante dalla voce sofferta ha reso noto il suo orientamento:

“Io sono bise**uale, sono attratta sia da uomini che da donne”.

Advertisement

Madame a sorpresa con il suo coming out  ha attirato l’attenzione su di sé, ma anche le sue esibizioni sul palco hanno fatto riecheggiare il suo nome.

Tra le sue esibizioni più chiacchierate quella in cui si è presentata scalza sul palco all’Ariston con un look total silver, come anche la performance nel corso della terza serata.

In questa occasione nella serata dedicata alle cover, la giovane cantante rap ha portato in scena i banchi a rotelle, lanciando una frecciatina a Lucia Azzolina a cui ha fatto da contorno il messaggio:

Advertisement

“Il mondo avanza, il sistema scolastico no. Tutto bene?”.

Il coming out Sanremo 2021 Madame
Madame Sanremo 2021

Il coming out di una protagonista di Sanremo 2021: Madame

A soli 19 anni, Madame ha dimostrato grande sicurezza come testimonia il fatto di aver da subito fatto coming out, dichiarando di essere “una ragazza che sceglie, a seconda di come si sente, di avere un portamento”.

Raccontandosi a cuore aperto, la giovane artista prima di partecipare a  Sanremo, nella sua intervista pubblicata sulle pagine de La Repubblica ha ammesso:

Advertisement

“Vivo con normalità questa cosa, non sento il bisogno di dover aderire a determinati gruppi o movimenti.

Il mio rapporto con il pudore? Se stai davanti a una persona che stimi sei meno sfacciato, mentre solitamente il mio rapporto col pudore è minimo.

Tutti siamo dotati di organi genitali, tutti facciamo l’amore, il pudore estremo lo associo a una chiusura mentale”.

A proposito poi del suo nome d’arte “Madame”, la giovane ha rivelato come ha scelto questo pseudonimo per farsi conoscere nel panorama musicale, queste le sue parole:

“A scuola, a ricreazione, con una mia compagna abbiamo usato un generatore di nomi per drag Queen: sono usciti Pinky girl pink e Madame wild, che mi è piaciuto. Ma ho tolto wild, mi sembrava infantile”. 

Condividi: