Bullismo a scuola: la drammatica storia di Sophia, una bambina di 6 anni

Una vicenda riguardante il bullismo a scuola che fa arrabbiare. La storia di Sophia, 6 anni, in fin di vita a causa dei compagni di classe

Ad un certo punto della nostra vita, abbiamo probabilmente tutti sofferto per alcune persone che si sono comportate male con noi.

Sophia e il bullismo a scuola

Ma se sei circondato da queste persone cinque giorni alla settimana, la situazione diventa insopportabile.

Molti adulti hanno imparato l’arte di fregarsene completamente di certi comportamenti, ma molti bambini prendono davvero alla lettera quello che si dice su di loro.

I bambini che dovrebbero concentrarsi sull’apprendimento e lo sviluppo da giovani non hanno bisogno di un ambiente in cui il bullismo e gli abusi sono all’ordine del giorno.

Indipendentemente dal fatto che si tratti di mancanza di fiducia, abuso a casa, assenza di genitori o cattivi insegnanti: il bullismo a scuola è molto reale e rappresenta un grosso problema.

Due studenti su 10 al mondo subiscono bullismo e violenza a scuola.

Secondo l’Unesco ogni anno ci sono 246 milioni di bambini e adolescenti sottoposti a una forma o all’altra di violenza nell’ambiente scolastico.

Purtroppo le molestie hanno conseguenze devastanti in termini di depressione, autolesionismo e, nel peggiore dei casi, suicidio.

Carrie Golledge, una madre del Devon in Gran Bretagna, ha una figlia di 6 anni che purtroppo ha dovuto subire molestie da parte di persone vicine.

Sua figlia Sophia, a 6 anni, aveva già sviluppato l’ansia per le continue molestie subite a scuola.

Ogni giorno Sophia, dopo essere tornata a casa da scuola, voleva solo piangere.

Non riusciva a dormire la notte, mentre cercava di assimilare ciò che gli era successo e cercava di accettare che doveva tornare a scuola il giorno successivo.

“Nell’ultimo semestre, la situazione è peggiorata drammaticamente. Sophia ha dovuto lasciare la scuola un paio di settimane poiché le sue condizioni erano critiche.

Si alzava la notte e vomitava”, ha dichiarato sua madre a The Mirror.

Il corpo di Sophia ha smesso di funzionare a causa dei continui abusi e molestie da parte dei suoi compagni di classe.

“Aveva molto dolore: e questi intensi dolori gli hanno fatto chiudere lo stomaco.

Ha subito diverse infezioni e il suo corpo ha dovuto combattere molto. È stata ricoverata più volte con la febbre alta. E i medici hanno cercato di controllare tutti questi sintomi. ”

Secondo la madre, la causa proveniva dalle molestie che una bambina esercitava su Sophia.

Bambina

La bulla ha cercato di controllare aggressivamente Sophia, decidendo cosa poteva o non poteva mangiare, e con chi giocare.

La povera creatura di 6 anni è stata stressata da questo bullismo a scuola e il suo corpo e il suo cervello si sono come paralizzati. L’angoscia e lo stress hanno causato apatia a Sophia.

Sua madre Carrie ha pubblicato una fotografia di Sophia in ospedale. La bambina di 6 anni era stanca ed esausta.

Ha anche scritto un post in cui ha cercato di mettere le parole nei suoi pensieri:

“Questa è mia figlia e ha un cuore così gentile che non vuole che nessuno abbia problemi, anche se si sente male.

bullismo

Ha smesso di mangiare, piange finché non si addormenta, ed è così ansiosa che vomita più di 20 volte in un’ora di notte.

Una sua compagna di classe l’ha abusata emotivamente per così tanto tempo che pensava fosse normale.

Questa è mia figlia che è stata ricoverata in ospedale molte volte perché è stata molto malata a causa dell’ansia.

Perché a scuola le hanno detto di non credere nelle favole.

E’ stata molestata sui social network dai genitori dei bulli, solo perché ha un cuore puro e pulito, ed ha solo 6 anni.

Ha dovuto cambiare scuola, perché chi di dovere non ha saputo ascoltarla e proteggerla.

Questa è la storia di mia figlia, che racconto, affinché non accada più a nessuno”.

Fortunatamente, i genitori di Sophia la inserirono in una nuova scuola e il cambiamento è stato immediato. La bambina è un’altra persona, è una ragazza molto più sana e più felice.

Leggi anche:

 

Back to top button