8 comuni sintomi di intolleranza al glutine a cui prestare attenzione

Ultimamente la parola “glutine” è diventata molto di moda, ma le intolleranze di certo, non sono solo mode passeggere. Potrebbe quindi, tornarvi utile conoscere gli 8 comuni sintomi di intolleranza al glutine, a cui prestare particolare attenzione.

E’ importante ricordare che intolleranza non significa celiachia e quindi non si tratta di un’allergia alimentare. Piuttosto, di una condizione che riguarda l’intestino e che può avere un impatto negativo sullo stile di vita o sul benessere generale.

I sintomi più comuni dell’intolleranza al glutine

In caso di intolleranza, le proteine del glutine non digerite che si trovano nell’intestino, vengono trattate dal corpo come invasori, irritandolo e appiattendo i microvilli lungo la parete dell’intestino tenue.

Senza i microvilli il corpo non è in grado di assorbire i nutrienti necessari dal cibo.

Il dolore debilitante, il vomito e la diarrea dopo aver consumato un pasto sono dei segnali inequivocabili di una grave condizione gastrointestinale.

Ma quando si osserva un’intolleranza al glutine, molte di queste avvisaglie possono sembrare generiche e varie.

Le persone a cui non viene diagnosticata l’intolleranza al glutine possono continuare a mangiare cibo che lo contiene per il resto della loro vita.

Andando incontro a malattie autoimmuni e soffrendo di una vasta gamma di sintomi spiacevoli.

Scoprite quindi quali sono i sintomi dell’intolleranza al glutine più comuni, e assicuratevi di consultare il medico se ne riscontrate più di uno.

MAL DI STOMACO

I problemi digestivi sono forse il segno più evidente dell’intolleranza al glutine.

Dopo aver mangiato  cibi contenenti glutine, potreste spesso provare gonfiore, diarrea e costipazione.

Secondo gli esperti mangiare cibi che contengono glutine può danneggiare il rivestimento dell’intestino tenue e può portare a uno scarso assorbimento di minerali e di vitamine.

VERTIGINI

Molte persone con intolleranza al glutine avvertono disorientamento e uno scarso equilibrio dopo aver consumato cibi a base di glutine.

Le vertigini in questo caso on sono normali, ed eliminando il glutine dalla dieta, potreste non soffrirne più.

SBALZI D’UMORE

Pensateci, se il vostro intestino è insoddisfatto di ciò che mangiate, anche il vostro cervello lo sarà.

Le persone con intolleranza al glutine si trovano spesso inspiegabilmente irritabili, ansiose o turbate.

EMICRANIA CRONICA

Il mal di testa è molto comune nelle persone con intolleranza al glutine.

Sebbene non sia associato a un tipo specifico di mal di testa, solitamente si verifica entro 30-60 minuti dopo aver mangiato.

Le emicranie frequenti possono anche portare a visione offuscata e dolore intorno alle orbite.

PRURITO DELLA PELLE

Quando l’intestino ha difficoltà a trattare il glutine si infiamma e le infiammazioni si rivelano esternamente attraverso la pelle.

Proprio per questo motivo la sensibilità al glutine è spesso associata a condizioni della pelle, come l’eczema e la psoriasi.

Il sistema immunitario risponde a un sistema digestivo infelice creando anticorpi che possono causare pelle secca e pruriginosa.

Tutto ciò porta anche ad un fastidioso prurito notturno, che alla lunga porta all’insonnia.

FIBRIOMALGIA

La fibromialgia è una condizione cronica che provoca dolore diffuso a muscoli, legamenti e tendini.

In America ha già colpito il 4% della popolazione, soprattutto le donne.

Secondo molti professionisti della salute, evitare il glutine può alleviare la fibromialgia.

AFFATICAMENTO CRONICO

Dormite 8/9 ore a notte, ma al mattino siete comunque stanchi ed esausti? La causa potrebbe essere un problema più grande.

Se il vostro corpo è sempre infiammato e spende le energie nel tentativo di affrontare le proteine indesiderate del glutine, potreste stancarvi prima del tempo.

INTOLLERANZA AL LATTOSIO

L’intolleranza al glutine e ai latticini ha sintomi molto simili, e talvolta i due vanno di pari passo.

Esiste un tipo specifico di zucchero presente nel latte e in altri prodotti caseari che può scatenare problemi digestivi e accrescere i già scomodi sintomi dell’intolleranza al glutine.

I latticini sono anche un fattore scatenante comune per il reflusso acido, che è anche legato all’intolleranza al glutine.

Leggi anche:

 

Back to top button