x

Reddito di cittadinanza: addio al sussidio per chi non ha questi requisiti

Roberta Amorino

Updated on:

Reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza, per quanto possa essere amato o contestato, rappresenta una realtà del nostro Paese ritenuta, da alcuni, granitica. In verità, però, sembra destinato a sgretolarsi di fronte all’avanzata di provvedimenti restrittivi per i no vax. In poche parole, anche per entrare nei centri per l’impiego, conseguenza naturale del reddito di cittadinanza, bisognerà esibire la certificazione verde.

Vediamo nello specifico cosa accadrà e, soprattutto, a partire da quando. I percettori del reddito di cittadinanza non potranno dormire sogni tranquilli a partire dall’1 febbraio, in quanto il nesso tra Green pass e sussidio sembra essere sempre più forte. In sostanza, anche se per entrare nei centri per l’impiego basterà il Green pass base, ottenibile mediante tampone negativo, è ovvio che la scelta di vaccinarsi possa sembrare una corsia preferenziale per evitare di sottoporsi spesso al tampone.

Il Governo ha mantenuto una linea diretta ad incentivare alla vaccinazione, dapprima indirizzando provvedimenti restrittivi agli over 50 e adesso mirando ai percettori del reddito di cittadinanza, ritenendo che il vaccino sia l’unico strumento al momento disponibile per contrastare l’avanzata del Covid-19 e delle varianti. Esaminiamo nello specifico cosa accadrà da qui a breve.

Reddito cittadinanza

Advertisement

Reddito di cittadinanza: circa centomila percettori potrebbero perdere il sussidio perché sprovvisti di Green pass

Il reddito di cittadinanza, ormai è chiaro, potrebbe essere in bilico per circa centomila persone. La scelta è sempre quella tra tamponi periodici o la somministrazione del vaccino. Anche per l’ingresso in banca o negli uffici postali sarà necessaria la certificazione verde, a riprova di una stretta sempre maggiore nei confronti di coloro che rifiutino di vaccinarsi.

Tuttavia, il Governo sta pensando anche di allentare un po’ la morsa relativamente ad alcuni settori, stabilendo delle eccezioni all’esibizione del Gren pass. Si tratta dell’accesso ad alcune attività commerciali, quali: supermercati, farmacie, ambulatori veterinari o di medici di base, ospedali. Dunque, in tali ambiti, non sarà più necessario esibire la certificazione verde.

Al momento, la stretta riguarda i percettori del reddito di cittadinanza, mentre non sarà più necessario munirsi di Green pass per presentare una denuncia o nell’ambito della tutela riguardante i minori. In pratica, in alcuni settori si avvertirà ancora la responsabilità di preservare la collettività dal contagio, mentre in altri si sta cercando di dare priorità all’erogazione dei servizi.

Advertisement
Condividi: