Il fidanzato cerca di strapparle gli occhi durante un raptus di gelosia: “Sarai così brutta che nessuno ti vorrà più”

Advertisement
Advertisement

“Il mio ragazzo ha cercato di strapparmi gli occhi”, così inizia il drammatico racconto di Jenna Hurley, una giovane madre che con grosse difficoltà è riuscita a liberarsi dalla perversione di un uomo crudele, che diceva di amarla.

Questa brutale storia di violenza domestica racchiusa in parole sconcertanti è stata raccontata dal sito britannico The Sun che ha raccontato una storia comune, che si è rapidamente trasformata in un vero e proprio inferno.

Jenna Hurley ha vissuto da parte del suo partner continue violenze fisiche e verbali, che hanno avuto il loro epilogo in un gesto di violenza brutale.

“Il mio ragazzo ha cercato di strapparmi gli occhi”, Jenna nel suo racconto toccante ha ripercorso quel maledetto giorno stampato nella sua memoria:

Advertisement

“Ti strapperò gli occhi in modo che tu possa diventare così brutta che nessuno ti voglia più” – queste le parole abominevoli pronunciate dal suo ex che per lungo tempo le rivolgeva continue molestie morali e fisiche.

Una storia sconvolgente che ha fatto gelare il sangue a molte persone che hanno avuto modo di venirne a conoscenza.

Il fidanzato cerca di strapparle gli occhi per gelosia

Advertisement

La storia di questa donna, diventata ostaggio del suo fidanzato violento e fuori controllo sottolinea, come molte donne sono costrette a vivere segretamente un calvario.

Jenna ha deciso di raccontare la sua esperienza di vittima di violenze domestiche partendo da quelle terribili frasi rivolte dal suo compagno ed infatti ha iniziato ad esporre la sua vicenda esordendo: “Il mio ragazzo ha cercato di strapparmi gli occhi”.

Con coraggio Jenna Hurley, madre di due figli, dopo essersi liberata dal suo inferno ha deciso di sensibilizzare e motivare altre donne che subiscono ogni giorno violenze domestiche.

Advertisement

Il suo desiderio è quello che non diventino vittime come lei, che ha dovuto superare delle ferite terribili.

Il fidanzato cerca di strapparle gli occhi

“Il mio ragazzo ha cercato di strapparmi gli occhi…”, il racconto della donna

La donna non si sarebbe mai immaginata un rapporto malsano, aveva invece pensato di aver incontrato l’uomo perfetto, ma poi la gentilezza del suo ragazzo Whiteside si è trasformata in mostruosità.

Un po’ troppo tardi Jenna si rese conto di essere finita nella rete di un uomo di una crudeltà indicibile.

Whiteside le era sembrato inizialmente un uomo perfetto e benevolo: “Era affascinante, socievole, attento. Sono rimasta stupita e come in una bolla con lui”, ha rivelato Jenna.

Poi ha proseguito a ripercorrere la sua storia aggiungendo: “Ricordo di aver detto a tutti i miei amici che non conoscevo uomini come lui”.

Inoltre Whiteside era riuscito a conquistarla perché era molto gentile con sua figlia che all’epoca aveva tre anni.

Ma poi la donna ha rivissuto l’orribile scena della violenza, rivivendo la sofferenza di quel terribile giorno in cui è stata picchiata:

“Il mio ragazzo ha cercato di strapparmi gli occhi. I miei occhi erano così anneriti ed iniettati di sangue che ho avuto problemi ad aprirli ed il mio viso era così ferito che si era gonfiato diventando il doppio delle sue dimensioni normali”.

Dopo l’episodio di quella terribile violenza domestica, Jenna si è recata in ospedale ed i medici le hanno diagnosticato una grave commozione cerebrale.

Jenna per riprendersi ha affidato la sua bambina per alcuni giorni ai suoi parenti per non turbarla mostrandosi in uno stato pietoso, mentre continuava a ripetersi: il mio ragazzo ha cercato di strapparmi gli occhi.

Il carnefice di Jenna, che l’ha massacrata così tanto che suo padre non l’ha riconosciuta, è stato condannato per aggressione ed oggi ha scontato metà della sua pena: 14 mesi di carcere.

La donna per questo ha paura per altre donne, come ha confidato:

“Il mio ragazzo ha cercato di strapparmi gli occhi…Ora che è fuori, potrebbe cercare il suo prossimo obiettivo senza che lei lo sappia. Non vorrei che un’altra donna passasse quello che ho vissuto per mano di questo mostro […]”

Condividi: