Firenze, arrestata una donna senza mascherina a spasso con il cane. Sul web esplode la protesta e si chiede la sospensione dei vigili urbani (Video)

Una donna senza mascherina viene arrestata a Firenze, il video del fermo scatena critiche e polemiche

Una donna senza mascherina viene arrestata a Firenze perché fermata dai vigili urbani in strada a spasso con il cane.

La donna dopo il fermo ha reagito opponendo resistenza a pubblico ufficiale.

Un episodio a cui hanno assistito non solo i passanti ma anche gli utenti del web.

Infatti l’arresto filmato da alcuni passanti ha immortalato non solo il comportamento rude dei vigili ma anche la reazione della folla che li ha insulti.

Infatti i vigili urbani del capoluogo toscano hanno non solo fermato ma anche scortato in caserma la donna che circolava senza mascherina, contravvenendo alle nuove regole del Dpcm.

Questo episodio si è verificato in Piazza della Repubblica, in pieno centro. Qui la donna, che portava fuori il suo cane, si è fermata perché non indossava la mascherina che è obbligatoria sia all’aperto che all’interno di esercizi pubblici.

senza mascherina a spasso con il cane

Firenze, arrestata una donna senza mascherina

Secondo la motivazione fornita dai vigili, la donna si è “rifiutata di fornire le sue generalità” ed ha “opposto resistenza al fermo”.

In un video ripreso da uno dei passanti attirati da quell’episodio si può prendere visione dell’intervento degli agenti della Polizia Municipale che bloccano la donna.

Inoltre si sente anche l’arrestata che protesta: “Non mi toccate, mi fate male! Qualcuno chiami i Carabinieri e la Polizia, non potete fermarmi per una mascherina!”.

Mentre i quattro agenti bloccavano la donna, il suo cane si agitava ed abbaiava.

Il video mostra come la donna viene tirata per un braccio dopo i suoi tentativi di ribellarsi al fermo, per poi essere bloccata al collo. Questa presa ha scatenato la reazione di alcuni presenti.

Arrestata una donna senza mascherina a spasso con il cane

La folla che si è radunata attorno alla donna arrestata ha così iniziato ad inveire contro i vigili. Per scortare la donna in caserma si è addirittura richiesto l’intervento di due poliziotti in borghese.

Così la donna arrestata per la violazione si è scortata in auto con le manette ai polsi. Su di lei gravano accuse per resistenza a pubblico ufficiale e minacce.

Palazzo Vecchio giustifica la brusca reazione dei vigili che sarebbe da ascrivere al rifiuto della donna di fornire le sue generalità e di seguire gli agenti.

Il sindacato Uil Fip ha difeso l’operato dei vigili invece sui social il grido di protesta non si spegne e si imputa al clima esasperato legato alle ferree restrizioni anti Covid per contenere i contagi.

Back to top button