Fabrizio Corona interrompe lo sciopero della fame: “Fabrizio ho bisogno di te”, è l’appello accorato

Advertisement
Advertisement

È stato l’avvocato di Fabrizio Corona, Ivano Chiesa, in una intervista a Telelombardia, a dare l’annuncio. Fabrizio Corona ha sospeso lo sciopero della fame.

La notizia battuta dalle agenzie ha subito fatto il giro del web, facendo tirare un sospiro di sollievo a quanti si sono messi in gioco per la vita di Fabrizio Corona.

In questi giorni, dopo i vari appelli arrivati dal mondo dello spettacolo, anche il Partito Radicale aveva chiesto la sospensione della pena in carcere per l’ex re dei paparazzi. E Adriano Celentano , dopo le due lettere rese pubbliche su Twitter, aveva consigliato Corona di sospendere lo sciopero della fame, scrivendo “Se dovessi morire ora non fregherebbe niente a nessuno“.

Leggi anche: “Fabrizio Corona in carcere può suicidarsi”, la diagnosi del noto psichiatra non lascia spazio ai dubbi. E intanto Celentano scrive ai giudici

Advertisement

Fabrizio Corona sciopero della fame

Parole e appelli che hanno certamente fatto breccia nella determinazione di Corona di portare la sua protesta sino alle conseguenze più estreme.

Leggi anche:”Sono stanco. Mi manca da morire la mia libertà”, il drammatico sfogo di Fabrizio Corona in un post su Instagram

Advertisement

L’appello dell’avvocato di Fabrizio Corona

“Fabrizio ho bisogno di te, altrimenti in quelle condizioni fisiche lì non mi aiuti e invece dobbiamo continuare una battaglia giudiziaria, dobbiamo andare fino in fondo”, ha detto l’avvocato Chiesa al suo assistito. E Fabrizio Corona ha così interrotto la sciopero della fame, ma non la sua sete di giustizia.

La questione che sta riguardando l’ex re dei paparazzi si sposta quindi su un piano formale e giudiziario.

Quello cioè che l’avvocato Chiesa intende proseguire e per il quale ha chiesto a Fabrizio la collaborazione più totale. “Un uomo con questa determinazione non l’ho mai visto in vita mia” ha aggiunto il legale di Fabrizio Corona, auspicando che la ripresa fisica del suo assistito sia di aiuto per la battaglia giudiziaria che dovranno affrontare.

Advertisement

Proprio su questo tema erano stati fatti appelli affinché il Tribunale rivalutasse la sua decisione.

Tra tutti quello di Celentano che, con molta chiarezza, aveva denunciato come in Italia persone che si sono macchiate di reati contro la persona siano fuori dal carcere dopo pochi anni.

Condividi: