Bambino morto per la meningite, gli avevano diagnosticato il mal di denti

E' accaduto nell'agosto del 2016. Dopo 3 anni la famiglia, distrutta, chiede ancora giustizia

Quando si tratta di bambini, l’istinto di un genitore dovrebbe essere sempre preso sul serio. Lo hanno capito i medici che non hanno compreso cosa stava uccidendo Malakai, un bambino morto per la meningite a Perth, in Australia.

I fatti risalgono all’agosto del 2016 e ancora oggi la famiglia chiede giustizia per l’irresponsabilità dei medici che ha strappato il loro bambino all’affetto di chi lo conosceva.

Bambino morto per la meningite: il tragico errore medico

Si chiamava Malakai Parone e si era appena affacciato alla vita, lo ha ucciso una meningite meningococcica da cui si sarebbe potuto salvare se i medici non avessero fatto la diagnosi sbagliata.

Aveva appena compito 7 mesi quando ha iniziato a stare male. I genitori, preoccupati, non perdono tempo e lo portano in ospedale.

Il bambino morto per la meningite

Tutto è iniziato quando la madre, Nicole Thompson, decide di portarlo in ospedale, la febbre è molto alta, ha delle eruzioni cutanee e non riesce a muovere la parte destra del corpo.

Secondo i medici questi non sono sintomi preoccupanti, indicano anzi, la nascita dei primi denti. Così li rimandano a casa prescrivendo una medicina per il dolore.

Ma i genitori però non sono convinti e si recano in un altro ospedale in cui ricevono lo stesso trattamento. Anche nel secondo nosocomio, nessuno riconosce i sintomi della meningite e così Malakai muore due giorni dopo.

Dopo il decesso viene aperta un’indagine

A questo punto, distrutti dal dolore, i coniugi Parone decidono di denunciare entrambi gli ospedali. Durante l’autopsia e le successive perizie la verità viene finalmente fuori.

Malakai aveva la meningite e se i medici lo avessero capito, avrebbero potuto curarlo. Se ne sono accorti tardi, dopo una segnalazione del pediatra di famiglia, che ha mandato di corsa i genitori, per la terza volta, in ospedale.

Una tremenda verità che i genitori del bambino non possono assolutamente accettare. Avevano affidato il loro tesoro più grande a dei dottori che avrebbero dovuto riconoscere i sintomi di una malattia così letale e pericolosa.

Parents want answers over baby's death

Malakai Parone's parents sought help from doctors three times in the days before their son passed away. Now they want answers about why the seven-month-old didn't get the treatment he needed.

Pubblicato da Checkpoint su Domenica 4 settembre 2016

Perché è semplicemente assurdo morire a soli 7 mesi a causa dell’incompetenza medica. Purtroppo di storie come questa se ne sentono tante.

Accadono in tutto il mondo, e non solo nei paesi meno sviluppati a livello scientifico e tecnologico. Stavolta infatti è successo in Australia, ma abbiamo scritto di tanti casi purtroppo molto simili a questo.

Nel caso in cui vogliate leggere altre storie, potrete trovarle qui:

Back to top button
Close
Close