Coronavirus, un’infermiera ruba la carta di credito ad un paziente ricoverato in rianimazione in fin di vita

Un'infermiera è stata accusata di aver rubato la carta di credito di un malato di Coronavirus, in seguito deceduto

Negli Usa, un’infermiera è stata accusata di aver rubato la carta di credito di un malato di Coronavirus ricoverato in rianimazione, che è deceduto pochi giorni dopo.

Il furto si è verificato ai danni di un 70enne, Anthony Catapano. I primi sospetti sono sorti nei familiari del paziente quando hanno notato degli acquisti registrati sul suo conto corrente mentre era ricoverato in ospedale.

La protagonista di questo atto criminale è Danielle Conti, 43 anni, infermiera dello Staten Island University Hospital North di New York.

La donna scoperta, è ora accusata di aver sottratto la carta di credito al paziente e di averla usata due volte. L’infermiera è indagata e rischia di perdere il lavoro.

l'infermiera ruba carta di credito

Nei familiari della vittima i sospetti sono sorti per primi nella figlia 37enne del signor Catapano, Tara.

Infatti la figlia del paziente morto di Covid ha dichiarato che la carta del padre è stata usata per comprare benzina e generi alimentari per un valore complessivo di 55 euro.

Il caso risale al mese di aprile, quando il 4 aprile il 70enne giunto in ospedale si è ricoverato d’urgenza, per i sintomi gravi del Covid.

Ma sua figlia ha rivelato alla CNN che il furto è avvenuto quando il paziente era ancora vigile. Il signor Catapano è morto otto giorni dopo il suo ricovero.

Coronavirus, infermiera ruba la carta di credito di un paziente

La figlia della vittima, che paga le bollette di suo padre dalla morte della madre nel 2014, ha detto che di solito non tiene traccia delle spese del padre.

Coronavirus, infermiera ruba la carta di credito di un paziente

Ma, poi ha notato qualcosa di sospetto e così ha allertato la polizia. Tara dopo aver ricevuto un estratto conto della carta di credito per il gas, che suo padre stava ancora pagando in contanti, ha notato un acquisto datato 9 aprile. Proprio mentre suo padre stava combattendo per la vita.

Nel suo racconto ai media la figlia del paziente derubato dall’infermiera ha detto:

“Ovviamente, sapevo che doveva essere un dipendente dell’ospedale perché i visitatori non erano ammessi”.

Così si sono avviate le indagini. Dai filmati a circuito chiuso di un negozio di alimentari della catena di supermercati ShopRite, visionati dalla polizia si è rintracciata l’infermiera.

Le immagini hanno ripreso la signora Conti mentre pagava la merce con la carta sottratta al paziente.

Anche se l’infermiera è accusata di rapina, la figlia della vittima vuole sapere perché ha approfittato di suo padre mentre era sul letto di morte.

Inoltre ha fatto sapere inoltre di essere disgustata dal fatto che la persona che avrebbe dovuto prendersi cura del padre lo avesse derubato.

Anche alcuni effetti personali del signor Catapano sono scomparsi. Si tratta di oggetti quali: un paio di occhiali, il cellulare, i contanti nel portafoglio, il carica batterie del telefono.

Christian Preston, direttore degli affari pubblici dello Staten Island University Hospital, ha detto alla CNN che l’infermiera Conti, che lavora in ospedale dal 2007, ha ricevuto una sospensione.

Ora l’infermiera rischia il licenziamento per le accuse di furto dopo che ruba la carta di credito.

Back to top button