Padova in lutto: un 16enne affetto da una malformazione alle vie biliari è morto dopo il suo quarto intervento di trapianto al fegato

Advertisement
Advertisement

Il suo animo da guerriero si è arreso dopo aver subito il quarto intervento di trapianto di fegato: Lorenzo Pinizzotto, il 16enne affetto da una malformazione alle vie biliari è morto dopo nemmeno un mese dal suo ultimo intervento. Un lutto che ha sconvolto tutta la cittadina di Padova che conosceva l’odissea del ragazzo affetto da una grave malformazione a carico delle vie biliari.

Leggi anche: Una 13enne muore sotto gli occhi dei medici dopo un improvviso malore a distanza di 24 ore dalla seconda dose di vaccino

Lorenzo aveva rivendicato la sua normalità di adolescente, malgrado le sue condizioni di salute, per questo si dedicava ai suoi amici e praticava sport sempre con entusiasmo e con il sorriso sulla bocca. Ma la malattia lo aveva costretto a sottoporsi ad una serie di interventi per risolvere le sue condizioni: il 16enne affetto da una malformazione alle vie biliari nel corso della sua giovane vita aveva affrontato già 3 interventi chirurgici di trapianto di fegato. Poi nel 2017 è arrivato un responso infausto, la sua sentenza di morte: i medici hanno fatto sapere alla sua famiglia che Lorenzo aveva poche speranze viste le sue condizioni.

Padova lutto muore il 16enne

Advertisement

Si arrende il 16enne affetto da una malformazione alle vie biliari

Come ha raccontato sua madre Arianna, il ragazzo è nato con una malformazione alle vie biliari che ha fatto sorgere la cirrosi, ma per migliorare il suo quadro clinico si è sottoposto a 2 trapianti all’ospedale di Palermo che gli hanno permesso di vivere fino a 16 anni. Dopo aver affrontato i primi due interventi, il ragazzo ha acconsentito a sottoporsi ad un’ulteriore operazione, il suo terzo trapianto. Così lo scorso 3 settembre il 16enne è stato operato al San Raffaele ma il suo fegato nuovo ha da subito manifestato un malfunzionamento: non era troppo efficiente per l’apparato circolatorio di Lorenzo.

Leggi anche: Una 20enne, dichiarata morta dopo un arresto cardiaco, si risveglia all’impresa di pompe funebri prima di essere seppellita viva

“[…] Lo abbiamo pianto come morto poi i medici hanno pensato ad un quarto tentativo, ma serviva un altro fegato entro 12 ore. A quel punto abbiamo detto basta, ma tutti gli altri organi erano sani. È stato ricoverato in terapia intensiva e invece che 12 ore ha resisto senza fegato alcuni giorni poi un nuovo fegato è arrivato. Sembrava un segno ed è tornato in sala operatoria il 13 settembre, Lorenzo ce l’aveva fatta di nuovo” – ha raccontato la madre.

Advertisement

A distanza di quasi un mese dal suo ultimo intervento, le condizioni del ragazzo si sono aggravate ed il suo animo guerriero ha smesso di combattere il 7 ottobre. “Gli dicevo sempre: ‘tu sei un guerriero del Signore‘ ma sbagliavo, era un condottiero che ha portato persone da tutto il mondo a pregare per lui. Sono esperienze che ti portano alla consapevolezza della scelta, il dolore è tanto forte ed il silenzio ti spacca i timpani, ma scegliendo l’amore si va avanti”– queste le parole con cui la signora Arianna ha ricordato il figlio.

Condividi: